Servizio civile regionale, le novità per il 2014: c'è anche "Garanzia Giovani"

Come in passato, anche per il 2014 la giunta ha approvato la delibera che definisce modalità e tempi per la presentazione, da parte degli enti accreditati, dei progetti di servizio civile regionale (SCR)

Sarà un anno importante per il servizio civile in Emilia-Romagna, con diverse novità: più flessibilità nella durata dei progetti, nessuna distinzione di cittadinanza e maggiore apertura per l’età dei giovani interessati all’esperienza, possibilità per gli enti, pubblici e privati, di autofinanziare i progetti. Come in passato, anche per il 2014 la giunta ha approvato la delibera che definisce modalità e tempi per la presentazione, da parte degli enti accreditati, dei progetti di servizio civile regionale (SCR).

Che per quest’anno – ecco la novità principale – potranno valere anche per “Garanzia Giovani”, il progetto dell’Unione Europea nato per assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano nuove opportunità per acquisire competenze ed entrare nel mercato del lavoro. In Emilia-Romagna (tra le prime Regioni a sottoscrivere la convenzione con il ministero del Lavoro), “Garanzia Giovani” è operante dal 1° maggio 2014: da quella data i giovani hanno potuto iscriversi al programma, che prevede per l’appunto, tra le diverse misure formative, anche il servizio civile. Dal momento dell’iscrizione (compilando un form online disponibile sul portale Formazione e lavoro della Regione o sul sito del ministero Cliclavoro), entro 60 giorni i giovani devono essere contattati per costruire insieme a un operatore il progetto formativo personalizzato e firmare il “Patto di servizio”. Entro 4 mesi dalla sigla del Patto, il percorso deve iniziare. Per quest’opzione formativa (servizio civile all’interno di “Garanzia Giovani”), sono previsti in Emilia-Romagna 519mila euro di risorse europee, fino a fine 2015.

“L’obiettivo è disporre il prima possibile di progetti per il servizio civile regionale, in modo che i giovani che si iscrivono a ‘Garanzia Giovani’ possano individuare un progetto di loro interesse, e sceglierlo” spiega l’assessore regionale alle Politiche sociali Teresa Marzocchi. Con il bando appena pubblicato, e che rimarrà aperto fino all’11 luglio, si raccoglieranno quindi i progetti degli enti accreditati, in modo da creare una banca dati specifica per l’attuazione di “Garanzia giovani”, in aggiunta ai progetti di servizio civile regionale del percorso tradizionale: “Parliamo di opportunità d’impegno attivo per i giovani, senza distinzione di cittadinanza, fino a 29 anni. Vogliamo dare delle risposte concrete alle condizioni difficili in cui si trovano tanti nostri ragazzi".

"Inoltre – prosegue l’assessore  – grazie al progetto di legge regionale sulla semplificazione, d’iniziativa della giunta, che andrà in Assemblea a fine giugno, il servizio civile regionale vedrà l’eliminazione dei vincoli temporali già previsti per i progetti, in quanto non adeguati a tutti gli ambiti d’attività, e una diversa individuazione dei giovani partecipanti a queste originali esperienze: non più basata sulle fasce d’età, ma prendendo a riferimento l’adempimento del diritto-dovere all’istruzione e formazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma c’è un’altra novità per il 2014: se fino all’anno scorso il servizio civile regionale era un’opportunità specificamente rivolta ai giovani stranieri dell’Emilia-Romagna (dal momento che per poter svolgere il servizio civile nazionale era espressamente richiesto il requisito della cittadinanza italiana), ora non sarà più così. Dopo l’ordinanza del 2013 del Tribunale di Milano (la seconda in due anni) di condanna del Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale per “il carattere discriminatorio dell’articolo 3 del bando nazionale”, riservato ai cittadini italiani, “è necessario più che mai – sottolinea Marzocchi – dare un segnale positivo di un servizio civile universale, a partire dalla proposta del servizio civile regionale aperto a tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento