Parcheggio in piazza della Libertà, il comitato incassa il sostegno di tutte le associazioni

Prosegue la lotta del comitato "Salviamo il parcheggio di piazza della Libertà". CSi è tenuta la riunione con tutte le associazioni rappresentative del commercio e dell'artigianato per ottenere da parte di queste ultime un appoggio formale

Prosegue la lotta del comitato “Salviamo il parcheggio di piazza della Libertà”. Come i responsabili del comitato avevano preannunciato, si è tenuta la riunione con tutte le associazioni rappresentative del commercio e dell'artigianato per ottenere da parte di queste ultime un appoggio formale scritto alla battaglia per mantenere i 78 posti auto di piazza della Libertà, che il Comune ha intenzione di pedonalizzare e riqualificare con un progetto da 3,1 milioni di euro.

Nella giornata di giovedì si è tenuto l'incontro tra il comitato e tutte le associazioni di categoria CNA , Confcommercio, Confartigianato e Confesercenti, le quali in maniera coesa e condivisa hanno ribadito il sostegno al comitato dei commercianti. Il comitato che sta raccogliendo le firme, giunte a quota settemila e oltre, ha stilato una lettera, ora all'attenzione degli organi direttivi delle diverse associazioni di categoria. Una volta sottoscritto il testo sarà inviato al sindaco Paolo Lucchi.

Spiega la lettera destinata al primo cittadino: “Richiediamo la sospensione del progetto di riqualificazione di Piazza della Libertà intesa come soppressione dell’area di sosta attualmente in essere. Siamo altresì favorevoli alla possibilità, in un futuro prossimo, di procedere con una pedonalizzazione della stessa con progetto che preveda la creazione di posti auto interrati come da progetto iniziale vincitore del bando europeo del prof Malacarne”.

“Certi  che all’eliminazione della sosta in piazza della libertà seguirà un effetto domino di chiusura delle attività che operano all’interno del centro storico , attività già ora pesantemente in difficoltà per la crisi economica che oramai da 5 anni le attanaglia , chiediamo all’amministrazione di tutelare con ogni mezzo un diritto primario come quello al lavoro. In questi mesi una ventata di grande preoccupazione coinvolge la maggior parte degli esercenti del centro in quanto consapevoli che la chiusura della sosta cambierà in maniera irreversibile e catastrofica la loro vita,  preoccupazione oggettiva frutto dell’analisi dei loro corrispettivi in occasione della chiusura della piazza pre–eventi”.

Ed infine: “La ringraziamo  delle graditissime azioni di apertura a doppio senso di Via Cesare Battisti   e anticipo alle 17.30 della sosta gratuita  in quanto segnali positivi  del fatto che l’amministrazione sia consapevole dell’importanza di  agevolare l’accesso al centro storico al fine di salvaguardarne la sua sopravvivenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

Torna su
CesenaToday è in caricamento