Piazza della Libertà, il Comune apre al dialogo col comitato: "Ci incontreremo"

Arriva a stretto giro di posta la replica del Comune su piazza della Libertà. La risposta è indirizzata al Presidente del comitato Marco Giangrandi, che ha dichiarato di voler raggiungere quota diecimila firme contro il progetto di pedonalizzazione della piazza

Arriva a stretto giro di posta la replica del Comune su piazza della Libertà. La risposta è indirizzata al Presidente del comitato Marco Giangrandi, che ha dichiarato di voler raggiungere quota diecimila firme contro il progetto di pedonalizzazione della piazza, un progetto fortemente sostenuto dal sindaco Paolo Lucchi. Lucchi e dell’Assessore Dionigi promettono: ““Presto un’assemblea pubblica per parlare delle iniziative che potrebbero svilupparsi nella piazza rinnovata”.
 

Scrivono i due amministratori: “abbiamo letto con attenzione le considerazioni sul progetto di riqualificazione di piazza della Libertà, da lei formulate a nome del Comitato che presiede. Che il futuro di piazza della Libertà continui ad essere al centro del dibattito e susciti prese di posizione e proposte diverse non ci stupisce: è così da tanti anni, ed è comprensibile, trattandosi di uno degli spazi di maggior pregio del centro storico. E crediamo che tutti – al di là dei punti di vista differenti – condividiamo la medesima convinzione di fondo che la piazza vada valorizzata”.
 

“E, appunto, con il progetto di ristrutturazione che sta portando avanti, l’Amministrazione comunale intende raggiungere questo obiettivo. Non è stata una decisione improvvisa, assunta in autonomia senza nessun tipo di confronto, come qualcuno ancora pare sostenere. Il recupero (e la conseguente pedonalizzazione) di piazza della Libertà era già chiaramente inserito nel programma del centrosinistra del 2009 e ribadito in quello del 2014. Lo affermiamo non per irrigidire il confronto, ma per rispetto dei cesenati che hanno partecipato ai tanti dibattiti di quest'ultima e della precedente campagna elettorale, ricevendo dai candidati in campo risposte molto diverse, quando il confronto verteva su piazza della Libertà. E poi - ricorderà come la cosa le sia stata ricordata anche nel nostro più recente incontro - in questi anni si è sviluppato un lungo percorso di confronto con l’intera città”.
 

Il sindaco spiega di avere idee diverse per la mobilità in centro: “E’ il caso del sistema dei parcheggi scambiatori+bus navetta, che ha contribuito a modificare le modalità di accesso al centro storico, se è vero che lo scorso anno ben 213mila cesenati li hanno utilizzati, mentre le proiezioni per il 2014 indicano che sarà superato il tetto dei 250mila utenti. Si tratta di 250.000 persone che accedono al nostro centro storico grazie ai bus fucsia, con un sistema ben organizzato e poco costoso che spesso i commercianti delle città a noi vicine citano come quello da imitare per ridurre i problemi di parcheggio comuni ad ogni realtà italiana. Per parte nostra, crediamo che questa sia la dimostrazione "made in Cesena" che le soluzioni al problema della sosta possono essere cercate anche in formule diverse da quelle consuete, che sicuramente sono più facili e rassicuranti, ma non per questo efficaci e rispondenti alle effettive esigenze di una città che vuole essere più a misura d’uomo e rispettosa dell'ambiente, sul modello di ciò che accade ormai nelle principali città europee”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed infine: “Detto questo, confermiamo di essere pienamente disponibili – come ci sembra di essere sempre stati – al confronto con i commercianti, i residenti, i cittadini tutti, pur nel rispetto del mandato che ci è stato consegnato e che è stato confermato in più occasioni. Per questo, da tempo stiamo lavorando ad un confronto pubblico dedicato proprio a piazza della Libertà: al centro della discussione non ci sarà il progetto strutturale di nuova pavimentazione e di arredo urbano (noto ormai a tutti da lungo tempo) ma i futuri scenari di utilizzo di questo spazio: presenteremo le nostre idee sulle iniziative che potranno essere qui organizzate, per rendere più attrattiva e coinvolgente la piazza e, con essa, l’intero centro storico. Iniziative che, finora, non hanno avuto la possibilità di essere promosse compiutamente, stante l’assenza di uno spazio idoneo, visto che l’utilizzo dell’altra sola piazza di Cesena di grandi dimensioni, cioè piazza del Popolo, è fortemente vincolato dalla presenza del mercato bisettimanale. Ci auguriamo che in quell’occasione si sviluppi un dialogo proficuo e stimolante; per parte nostra, saremo pronti ad esaminare con attenzione tutte le istanze, non solo dei commercianti, ma anche dei residenti e dei cesenati tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tragico incidente in bici, è morto dopo due giorni di agonia l'agente di Polizia

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Tragedia sulla spiaggia di Cesenatico, trovata riversa nell'acqua: muore l'anziana turista

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

  • Agro-alimentare, il Gruppo Amadori cede Fattoria Apulia: l'operazione 

Torna su
CesenaToday è in caricamento