Indagine "Mercurio", condannata la banda delle farmacie

Il giudice per le indagini preliminari di Forlì, Alessandro Trinci, ha condannato cinque napoletani, tra i 46 ed i 58 anni, responsabili di una serie furti di medicinali nelle farmacie, compiuti in tutta Italia

Il giudice per le indagini preliminari di Forlì, Alessandro Trinci, ha condannato cinque napoletani, tra i 46 ed i 58 anni, responsabili di una serie furti di medicinali nelle farmacie, compiuti in tutta Italia. La condanna scaturisce da una complessa ed articolata indagine condotta dai Carabinieri del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Forlì-Cesena, coordinati dal pm Filippo Santangelo.

I furti sono stati consumati non solo nel Cesenate, ma anche nelle province di Ravenna, Arezzo, Isernia e Frosinone. L’indagine, denominata "Mercurio", iniziò a seguito di furto commesso in una farmacia di Cesenatico nella notte tra il 29 e 30 maggio del 2011: nella circostanza i maliventi riuscirono a portare via un'ingente quantità di prodotti farmaceutici di varia natura per un valore complessivo di circa 35mila euro insieme alla somma di circa 2mila euro che si trovava nel registratore di cassa.

La banda aveva colpito nuovamente alcuni mesi più tardi, il 25 novembre, in una farmacia di Gambettola, rubando prodotti farmaceutici di varia natura per un valore complessivo di ben 85mila euro e circa 2mila euro nel registratore di cassa. Le indagini si sono focalizzate su quattro persone di origine partenopea, che erano risultati già stati controllati a Gambettola da una pattuglia della Compagnia Carabinieri di Cesenatico, mentre si trovavano a bordo di un "Fiat Ducato".

Gli inquirenti il 20 dicembre di quell'anno riuscirono ad arrestare in provincia di Frosinone tre componenti del gruppo, subito dopo che gli stessi avevano compiuto un colpo che gli aveva fruttato, fra medicinali e cosmetici, un bottino di oltre 60.000 euro,  interamente recuperato. Nell’ambito della stessa operazione, è emerso inoltre che i tre arrestati si erano già resi responsabili tre giorni prima, di un tentato furto commesso ai danni di una farmacia sita nella Provincia di Isernia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le pene maggiore è di 6 anni ai 5 anni e 4 mesi di reclusione: alla condanna si aggiungono 900 euro, oltre all’interdizione dai pubblici uffici per alcuni membri della banda e il pagamento delle spese processuali. Per le pene meno rilevanti, sussistendone i presupposti, sono stati concessi, a due dei condannati in questione, i benefici degli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento