Salumi fatti in casa? Ogni famiglia può macellare fino a 3 maiali

La macellazione è consentita a qualsiasi privato che disponga di spazi adatti per eseguirla, e ogni famiglia può macellare fino a un massimo di 3 capi

Nel Cesenate è ancora diffusa la consuetudine di macellare a domicilio i suini per il consumo familiare, che tradizionalmente si effettua in questo periodo dell’anno. Per garantire il rispetto delle norme di vigilanza sanitaria sulle carni, anche questo tipo di macellazione deve seguire precise regole e, di norma, deve essere effettuata nel macello pubblico, nei giorni e negli orari stabiliti in accordo col veterinario ufficiale dell’Azienda Usl.

Fino al 29 febbraio 2012, coloro che intendono macellare i suini a domicilio dovranno prima richiedere la visita ispettiva al Servizio Veterinario dell’Ausl con almeno 48 ore di anticipo, rivolgendosi agli uffici del Servizio Veterinario in via Marino Moretti n. 99 (telefono  0547 – 352061), per concordare data e ora della macellazione. La macellazione è consentita a qualsiasi privato che disponga di spazi adatti per eseguirla, e ogni famiglia può macellare fino a un massimo di 3 capi.

Le carni ottenute non possono essere commercializzate. Le operazioni devono essere eseguite da personale esperto, secondo le regole previste per evitare all’animale inutili sofferenze. Gli strumenti utilizzati devono essere conservati in buone condizioni d’igiene, lavati e disinfettati prima e dopo ogni macellazione e lavorazione delle carni. Le parti dell’animale macellato non possono essere allontanati dal luogo della macellazione prima della visita veterinaria,  a prova della quale saranno bollate con timbro riportante la dicitura MUF (Macellazione Uso Familiare).

I campioni prelevati saranno sottoposti a esame di laboratorio, presso la sezione di  Forlì dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale, per la ricerca delle Trichine (parassiti dei maiali che possono infettare anche l’uomo). Nell’attesa, però, le carni possono essere lavorate ed eventualmente anche consumate, previa cottura. Entro i due giorni  feriali successivi alla visita, il Servizio Veterinario informerà l’utente dell’esito delle analisi solo in caso di esame sfavorevole.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il pagamento dei diritti veterinari, che ammontano a 7 euro per ciascun suino macellato, e dell’onere per le spese di trasporto, fissato dall’Azienda Usl di Cesena in 4,13 euro, è a totale carico del richiedente, e dovrà essere effettuato tramite bollettino di conto corrente postale rilasciato dal Veterinario dell’Ausl al momento dell’ispezione delle carni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento