menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Cassa di Risparmio torna all'utile, Lamanda: "Discontinuità col passato"

La Cassa di Risparmio di Cesena torna all'utile nel primo trimestre del 2017, pur chiudendo un 2016 in rosso. L'Assemblea degli Azionisti, presieduta da Carmine Lamanda, approva il Bilancio 2016

La Cassa di Risparmio di Cesena torna all'utile nel primo trimestre del 2017, pur chiudendo un 2016 in rosso. L’Assemblea degli Azionisti, presieduta da Carmine Lamanda, approva il Bilancio 2016 che ha dato il via al percorso di rinnovamento della banca. In particolare il resoconto trimestrale al 31 marzo 2017 registra  un utile di 1,4 milioni di euro. Il risultato deriva della positiva dinamica dei ricavi e dell’efficace azione di contenimento dei costi.
 
Si evidenzia la crescita della raccolta gestita che consente una maggiore diversificazione del portafoglio della clientela; negli impieghi si registra un contenimento della componente “corporate”. E' il dato divulgato a seguito dell’Assemblea degli Azionisti di Cassa di Risparmio di Cesena S.p.A. che ha approvato, giovedì, nella parte ordinaria, il bilancio consolidato al 31 dicembre chiuso con una perdita di 66 milioni di euro rispetto ai 252 milioni di perdita del 2015. Il patrimonio netto del Gruppo, al netto della quota di pertinenza di terzi, ammonta a 322,1 milioni di euro, rispetto ai 107,8 milioni di fine 2015. Al 31.12.2016 gli indici di solidità patrimoniale di Cassa sono al di sopra dei limiti minimi indicati da Banca d’Italia con CET 1/Tier1 al 10,04% e Total Capital Ratio pari al 12,24%. Sempre nella parte ordinaria dell’Assemblea è stata nominata revisore Chiara Del Prete, che annovera rilevanti esperienze e competenze come revisore e consulente in ambito bancario;  sono state inoltre approvate le politiche di remunerazione. 
 
Nella parte straordinaria è stata invece deliberata l’adozione di un nuovo testo di statuto sociale. Per il primo trimestre i margine di intermediazione si è attestato a 29,7 milioni di Euro con una crescita, rispetto al quarto trimestre 2016, di 1,8 milioni di Euro (+3,8 senza considerare gli utili da negoziazione). Il positivo risultato è conseguenza del contributo commissionale derivante dall’attività sul risparmio gestito e dall’erogazione di prestiti indiretti. A livello di costi, l’attuazione del piano industriale li ha ridotti del 7%  rispetto al quarto trimestre 2016. Inoltre le rettifiche nette sui crediti (7,2 milioni di Euro) risultano più contenute rispetto ai recenti trimestri.
 
A livello di aggregati patrimoniali, il valore complessivo della raccolta diretta e indiretta è stato di 5 miliardi e 72 milioni di euro di euro; nel periodo è proseguita la diversificazione dei portafogli della clientela di cui ha tratto beneficio il conto economico in termini di minori interessi passivi e maggiori commissioni. Gli impieghi risultano pari a 3,264 miliardi di Euro, con un incremento, rispetto al trimestre precedente, sul segmento small business. A livello di mutui nel primo trimestre del 2017 sono stati erogati 478 mutui per un valore di 33,2 milioni di Euro principalmente concentrati sul settore residenziale.

 
"I risultati del primo trimestre 2017 – ha affermato Carmine Lamanda, Presidente del Consiglio di Amministrazione – danno il segno della discontinuità con il passato.” “Siamo nella giusta direzione – ha concluso Bruno Bossina – per attuare nella sua interezza i cambiamenti. L’efficace attuazione del piano industriale, sia a livello commerciale che a livello di contenimento dei costi  fa ben sperare per il proseguimento del trend nel corso di tutto l’esercizio.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento