Cronaca

"L'indifferenza è complice": premiazione del Concorso “Cesena città per le donne”

Come ogni anno l’iniziativa è curata dall’Associazione Perledonne con il patrocinio dell’Assessorato alle Pari opportunità e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Cesena.

Si è tenuta sabato la tappa finale dell’ottava edizione del Concorso “Cesena città per le donne. Nella violenza sulle donne l’indifferenza è complice” per il quale gli studenti delle scuole medie inferiori e superiori hanno declinato il tema della violenza di genere attraverso elaborati letterari, di grafica e pittura, di fotografia e di musica e video.

Come ogni anno l’iniziativa è curata dall’Associazione Perledonne con il patrocinio dell’Assessorato alle Pari opportunità e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Cesena.  Numerosi e consistenti i premi, da 100 a 300 euro,  grazie ad un budget realizzato col contributo di enti e privati: Anpi, Auser, Presidenza del Consiglio Comunale, Quartiere Cesuola, Asp, Associazione Agorà, Ortomercato, Associazione Perledonne, e due privati cittadini, Ankica Manic Baccanti e Tiziano Abbondanza. 

Al Concorso hanno preso parte 130 ragazzi di due scuole medie inferiori e di sette istituti superiori (scuola Media Via Pascoli, scuola media di Gambettola , Versari Macrelli,  Tecnico Commerciale Serra, Liceo Linguistico, Professionale Comandini,  Tecnico Economico Matteucci di Forlì, Istituto Agrario). Tutti hanno espresso un impegno creativo e di approfondimento del tema che testimonia il profondo coinvolgimento dei ragazzi su un fenomeno che è anche culturale e dunque si combatte soprattutto con l’educazione. 

Nel corso della premiazione – a cui hanno presenziato gli assessori Cristian Castorri e Francesca Lucchi, oltreché il presidente del consiglio comunale Simone Zignani - è stato possibile vedere le opere dei ragazzi, alcune anche di notevole dimensione, visionare alcuni interessanti video (veri e propri filmati) da loro prodotti, opere di gruppo dedicate alla grafica con idee originalissime e ben congeniate, disegni, fotografie, dipinti su tela, componimenti letterari e poetici tra cronaca e testimonianza, realizzazioni in cartone e grandi pannelli fotografici. La vera novità, tuttavia, è stata il desiderio dei ragazzi di esprimersi attraverso filmati. In tanti si sono trasformati in autentici filmakers, organizzando uno story board,  recitando, facendo riprese e montaggi, e divertendosi un mondo da come si evidenzia nei prodotti consegnati. 
Momenti di entusiasmo ed anche di commozione hanno accompagnato la visione di alcuni lavori. Tutti, tra l’altro, saranno visibile in una mostra che verrà organizzata dal 25 novembre nella Galleria Ex Pescheria.

Ecco l’elenco dei premiati. 
Per la scuola media via Pascoli:  Beatrice Abati, Mira Zoffoli, Alice Brusi,  e il gruppo composto da Anastasia Fesani, Francesca Pivo, Linda Briganti, Federico Briganti, Giulia Dal Monte. 
Per gli altri istituti: Zaccherini Luisa e Teodorani Chiara del Matteucci di Forlì, Linda Fiero e Martina Baldi del Versari Macrelli, Gloria Moretti dell’Istituto Agrario, Fabiola Nicodemo del Liceo Linguistico, Sabrina Giorgi del Versari Macrelli, Layla Radif del Versari Macrelli, Francesca Sorrentino del Liceo Linguistico, Melissa Sarti dell’Itc Serra. 
E’ andato al Versari Macrelli il primo premio per il miglior lavoro di gruppo e al Liceo Linguistico il secondo premio per il miglior lavoro di gruppo. 

La media di via Pascoli si è aggiudicata il premio per il maggior numero di elaborati presentati. 
Una menzione speciale è andata alla Media di Gambettola per l’impatto degli elaborati grafici presentati. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'indifferenza è complice": premiazione del Concorso “Cesena città per le donne”

CesenaToday è in caricamento