Calcio, chiusa l'indagine su Campedelli. Avviso di garanzia anche a Lugaresi

Nuova "puntata" nella vicenda giudiziaria che vede protagonista l'A.C. Cesena. E' la stessa società calcistica che rende noto che nella mattinata di giovedì la Guardia di Finanza su incarico della Procura della Repubblica di Forlì

Nuova “puntata” nella vicenda giudiziaria che vede protagonista l’A.C. Cesena. E' la stessa società calcistica che rende noto che nella mattinata di giovedì la Guardia di Finanza su incarico della Procura della Repubblica di Forlì, ha notificato la chiusura delle indagini preliminari per fatti relativi alla gestione Campedelli. Tra i destinatari degli avvisi, figura anche il presidente Giorgio Lugaresi che, rilevata la Società unitamente agli altri soci, nell’aprile 2013 in qualità di Presidente aveva l’obbligo di sottoscrivere la dichiarazione IVA relativa al 2012.

Si tratta di un secondo filone di inchiesta, dopo la chiusura del primo che vede l'ex presidente del Cesena Campedelli rinviato a giudizio e in procinto, il prossimo 7 luglio, di affrontare l'udienza in tribunale. Nella seconda "tranche", invece, le accuse vengono mosse allo stesso Campedelli, all'imprenditore Potito Trovato, così come a due albanesi e a un pescarese. Nel gruppo c'è anche Giorgio Lugaresi, in quanto subentrando nella nuova gestione dell'Ac Cesena senza un "punto di rottura", come un fallimento, ha effettuato delle dichiarazioni di responsabilità anche per l'annualità precedente, non gestita da lui, come appunto la dichiarazione Iva del 2012.

Spiega il Cesena: “Si tratta quindi di un atto dovuto per fatti del tutto estranei all’attuale gestione e alla responsabilità del Presidente Lugaresi. Siamo estranei a questi fatti e lo dimostreremo presto”. I reati contestati al numero uno del Cavalluccio sono a vario titolo appropriazione indebita ed emissione di fatture per prestazioni in tutto in parte inesistenti relative. L’avviso è stato notificato intorno all’una del pomeriggio direttamente a Lugaresi nella sede dell’Ac Cesena in corso Sozzi. Il 2012 fu l'anno del grande nevone: un disastro per moltissimi cesenati che subirono danni, e un punto oscuro nella gestione del Cesena: per lo sgombero della neve dallo stadio Manuzzi e dal campo di allenamento di Villa Silvia ci sono fatture enormi per 500mila euro, fatture che per le accuse potrebbero essere false o "gonfiate".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Sergio Rossi, anche il 're' del calzaturiero tra le vittime del virus: "Una grande perdita"

  • Stroncato da un'emorragia cerebrale, era positivo al Covid: addio all'ingegnere della Soilmec

  • "Creativo e perfezionista", ha portato la scarpa di San Mauro in tutto il mondo. Tanti ricordano Sergio Rossi

  • "Un giorno tristissimo", si è spento l'imprenditore dell'ortofrutta Daniele Brunelli

  • Stabile il rallentamento del virus (+12), si piange il 16esimo morto. In provincia oltre 1000 positivi

  • Laboratori Ausl un po' ingolfati, il virus si ferma ma Cesena registra altri due morti

Torna su
CesenaToday è in caricamento