Cronaca

Il segretario regionale Uil a Salotto blu: "Viviamo una nuova era, servono regole diverse"

"E' chiaro che una parte di coloro che durante l'emergenza hanno lavorato in remoto continueranno a farlo anche in futuro per espressa volontà delle imprese"

Ospite della trasmissione condotta da Mario Russomanno su VideoRegione che andrà in onda martedì alle 22:30, Giuliano Zignani, segretario regionale della Uil, si è soffermato sugli scenari del post pandemia.

 "E' chiaro che una parte di coloro che durante l'emergenza hanno lavorato in remoto continueranno a farlo anche in futuro per espressa volontà delle imprese. Ciò modificherà abitudini, stili di vita, organizzazione delle città. Come sarà regolamentata tale attività lavorativa è da definire, servono nuovi contratti e nuove tutele". Il lavoro all'interno di strutture come Amazon? "Serve una contrattazione di ambito europeo, il sindacato deve fare la sua parte ma anche la politica". I mestieri evolvono rapidamente? "Certo, serve duttilità, voglia di apprendere. E serve mettere mano alla formazione, deve essere più adeguata alle esigenze della economia. Mi riferisco anche a quella impartita dai tanti enti di formazione attualmente accreditati".

Le disposizioni anti licenziamento in scadenza? "C'è una cosa che non mi spiego del dibattito in corso su questo argomento: se le imprese, come dicono, non intendono licenziare perché ne reclamano il diritto? Ed è opportuno precisare che la cassa integrazione straordinaria "anti covid" non è stata pagata dalle imprese". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il segretario regionale Uil a Salotto blu: "Viviamo una nuova era, servono regole diverse"

CesenaToday è in caricamento