Il Premio Città di Savignano al commediografo Stefano Palmucci

Il Premio – biennale - è rivolto agli autori di teatro dialettale emiliano romagnolo e mette in palio 1.000 euro per il miglior testo. Un’iniziativa che ha riscosso immediatamente l’interesse degli addetti ai lavori

Si è svolta sabato sera la cerimonia di premiazione dell’VIII edizione del Premio Francesco Montanari - Città di Savignano. Nella cornice del teatro Moderno di Savignano sul Rubicone, l’Assessore alla Cultura del Comune, Antonio Sarpieri, ha consegnato il premio a Stefano Palmucci, che è risultato vincitore del concorso con la commedia “E diretor dla scola”.

Promosso dalla Compagnia della Speranza di Savignano e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Savignano sul Rubicone con il contributo della Banca di Credito Cooperativo “Romagna Est”, il concorso omaggia lo storico regista della compagnia savignanese, Francesco Montanari detto “Bugara”, scomparso nel 1991. Il Premio – biennale - è rivolto agli autori di teatro dialettale emiliano romagnolo e mette in palio 1.000 euro per il miglior testo. Un’iniziativa che ha riscosso immediatamente l’interesse degli addetti ai lavori e ha potuto contare sin dagli inizi sul contributo di un grande estimatore e sostenitore del dialetto come Ivano Marescotti, che ha tenuto a battesimo il premio nelle vesti di presidente di giuria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La scadenza per l’invio dei testi era il 30 settembre 2012. I copioni pervenuti alla segreteria del premio per questa edizione erano quindici. Il concorso ha prodotto, nei suoi ormai sedici anni di vita di vita, una biblioteca di nuovi copioni teatrali di un centinaio di testi. Hanno fatto parte della commissione Maria Grazia Bravetti, studiosa delle tradizioni popolari della Romagna ed autrice di numerosi saggi e studi sul tema, Paolo Guiducci, giornalista del settimanale riminese “Il Ponte” e curatore della collana di libri in dialetto “Le Spighe” e Giovanni Urbini della Compagnia Teatrale di Savignano. Conclusa la premiazione, la Compagnia della Speranza di Savignano ha omaggiato il vincitore proponendo al numeroso pubblico uno degli ultimi e più apprezzati lavori di Palmucci: “A rubè poch us va in galera”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento