I furti in abitazione calano del 31%, il progetto pilota: "Periodo precedente al lockdown"

E' il dato di un periodo precedente all'emergenza sanitaria, quindi dati non condizionati dal blocco della circolazione e del cambio di abitudini collegate al lockdown

Furti in abitazione in calo del 31,1% nella provincia di Forlì-Cesena, più del doppio del trend nazionale, che indica un calo del 13,7%. E' il risultato in cui si sintetizza un progetto specifico del Tavolo per l'ordine pubblico e la sicurezza, che mette assieme la Prefettura, la Questura, i Carabinieri, la Guardia di Finanza e le altre forze dell'ordine, comprese quelle delle Polizie Locali.

Il dato si riferisce ad un periodo di osservazione che va dall'ottobre 2019 al febbraio 2020. “E' un periodo precedente all'emergenza sanitaria, quindi dati non condizionati dal blocco della circolazione e del cambio di abitudini collegate al lockdown, che hanno prodotto anche un calo inevitabile dei reati”. In tale periodo è stato messo in atto un progetto specifico, basato sull'analisi e lo studio dei dati in mano alle forze dell'ordine.

A spiegarlo è il questore Lucio Aprile: “Con un approccio scientifico, si è fatto uno studio per georeferenziare gli atti predatori nei territori di Forlì, Cesena e Forlimpopoli, individuando così i luoghi, ma anche gli orari e le giornate in cui i malviventi operano. Condividendo i dati con tutte le forze di polizia sia quelle dello Stato che le polizie locali, e col supporto dei reparti prevenzione crimine, sono stati operati controlli stradali e posti di blocco mirati, dividendosi le postazioni tra tutte le forze in campo, senza accavallamenti”. Questo ha permesso di reprimere il crimine, con colpi sventati, arresti e denunce. Ma soprattutto prevenirlo.

I dati sono questi: da ottobre 2019 a febbraio 2020 si sono registrati 426 furti in provincia, contro i 618 dell'analogo periodo dell'anno precedente, con una diminuzione del 31,1%. Ancora più marcati i cali nelle città: a Forlì si è passati da 216 a 135 furti in abitazione (-37,5%) nel giro di un anno e a Cesena da 210 a 115 (-45%). Dati i risultati, conclude il prefetto, “l'attività sarà ulteriormente raffinata, anche se non aspettiamoci di azzerare i furti in tre anni, visto questo trend, perché i fattori in campo sono moltissimi”. Non ci sono ancora dati disponibili su quanto il lockdown abbia inciso sul crimine predatorio, anche se l'unanime percezione è quella di un vistoso calo, dovuto ad abitazione più presidiate dai residenti e meno traffico veicolare in circolazione nel quale i malviventi si possono mimetizzare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento