rotate-mobile
Cronaca

"Guard-rail per le moto sulle strade della regione"

A sollevare il problema è una interrogazione alla Giunta regionale del consigliere della Lega Nord Stefano Cavalli

La Regione Emilia-Romagna dovrebbe “attivarsi per quanto le compete in tutte le sedi al fine di promuovere l’installazione dei cosiddetti ‘guard-rail salva motociclisti’” perché al momento un sistema che dovrebbe essere “una protezione” si rivela invece “una pericolosa minaccia”, dal momento che è stato concepito non per le due ruote ma “per assorbire l’impatto di autovetture e autocarri”.

 

A sollevare il problema è una interrogazione alla Giunta regionale del consigliere della Lega Nord Stefano Cavalli, che ricorda come “diverse analisi statistiche evidenziano come una significativa percentuale di vittime si sarebbero potute salvare nel caso fossero stati installati guard-rail di diversa tipologia”.

 

Per questo motivo il consigliere chiede alla Giunta sia di “attivare un censimento in merito alla situazione dei guard-rail nella rete stradale regionale”, sia di “attivarsi affinché l’Anas e i gestori privati delle strade predispongano, nell’ambito dei rispettivi programmi di manutenzione ordinaria e straordinaria, un piano volto ad aumentare la sicurezza dei motociclisti e dei ciclisti e ad identificarne, di concerto con essi, le priorità”. In provincia di Forlì-Cesena è stata avviata una sperimentazione delle nuove barriere per i motociclisti, da installare nei punti più pericolosi per le due ruote lungo le strade provinciali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Guard-rail per le moto sulle strade della regione"

CesenaToday è in caricamento