"Da me tre volte i ladri in un anno", "Come non si fa a sentire a mezzanotte?": la rabbia dei commercianti

Il fatto che fa un po' riflettere è che nessuno si sia accorto di nulla. I ladri hanno potuto agire indisturbati

La tabaccheria derubata in via Subborgo Comandini

Raffica di furti in città come non si vedeva da tempo. L'altra settimana nella stessa notte hanno razziato quattro negozi nel giro di poche centinaia di metri, tutti in zone molto frequentate anche in orari notturni e dove si trovano anche molte abitazioni. Si tratta della zona di San Bartolo, via Gaspare Finali e Galleria Cavour. Pochi giorni prima avevano rubato anche alla macelleria Africo, in via Chiaramonti. Il fatto che fa un po' riflettere è che nessuno si sia accorto di nulla. I ladri hanno potuto agire indisturbati, in un caso girare anche per strada con una rastrelliera rubata davanti al bar Wilson in via Martiri della Libertà, a centinaia di metri da via Gaspare Finali, arrivare davanti all'entrata della tabaccheria davanti alla farmacia Santini e per almeno mezz'ora (ma è più probabile 45 minut) tirare bordate al vetro (antiproiettile) per sfondare non la vetrata ma gli infissi.

"Sarà stata mezzanotte e mezza, non di più - spiega il titolare della tabaccheria - perché a me a quell'ora è scattata la chiamata dell'allarme. E a quell'ora c'era tutta la gente che usciva dal cinema Eliseo per tornare a casa. Come hanno fatto a non vedere nulla? A non sentire il rumore? Da me in 11 mesi sono già venuti tre volte. La prima volta sono entrati da una finestra, la seconda volta dall'altra finestra, e questa volta mi hannno distrutto l'entrata". Hanno rubato tutte le sigarette, anche quelle in magazzino e i soldi in cassa per un ammontare di circa 4 mila euro.  La porta d'ingresso è stata rotta anche ad Africo, macelleria storica di via Chiaramonti.

"Sono entrati con un piede di porco  - spiega Marco Baronio, proprietario della macelleria - e poi hanno rubato due prosciutti e i soldi spiccioli che avevo in cassa. La stessa notte hanno rubato nel Frutta e Verdura di via Subborgo F. Comandini a pochi metri da qui". In questo negozio sono entrati, addirittura, dalla vasistas sopra la porta d'ingresso. Nella stessa notte in cui hanno razziato la tabaccheria hanno rubato anche al bar Sin Cafè in via Marinelli, nella pizzeria Lucullo e nell'enoteca su corso Cavour (qui è stato tentato grazie forse alla presenza di un cittadino che ha messo in fuga i ladri). Ma non è finita i ladri hanno fatto un giro anche in gelateria, alla Cremeria davanti al Casali dove, purtroppo, erano stati anche quindici giorni fa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento