menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

E45, arriva un'interrogazione alla Camera. Vietina (Forza Italia): "Interventi urgenti"

La deputata romagnola: "Riteniamo necessario avviare iniziative normative di somma urgenza per affrontare al meglio questa situazione"

Più controlli, più risorse per la manutenzione dell'infrastruttura, un tavolo di confronto tra Governo ed enti locali, e avviare iniziative urgenti per affrontare meglio tutte le difficoltà connesse alle criticità dei viadotti dell'E45. E' quanto si sollecita con un'interrogazione in commissione alla Camera, presentata da un gruppo di deputati di Forza Italia tra cui Simona Vietina e rivolta al Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti.

"L'apertura parziale del viadotto Puleto, dopo il sequestro di gennaio, non ha certo risolto i problemi di viabilità lungo l'E45, con la circolazione pesante ancora costretta a deviazioni e le comunità locali soggette e innumerevoli disagi", premette la parlamentare romagnola. "Riteniamo necessario avviare iniziative normative di somma urgenza finalizzate ad affrontare al meglio questa situazione e gli effetti negativi sull'economia locale. Per far fronte all'emergenza e garantire una vabilità sicura, riteniamo serva riportare tutta la vecchia statale Tiberina sotto la gestione dell'Anas".

La cittadinanza vuole risposte e garanzie. Vietina e i colleghi azzurri invitano quindi il Ministero a "effettuare maggiori e più approfonditi controlli per una verifica complessiva dello stato dei viadotti lungo la E45, garantendo alla manutenzione tutte le risorse necessarie e già nelle disponibilità dell'Anas. E poi - aggiunge la deputata - si dovrebbe convocare un tavolo di confronto tra Governo, enti territoriali e associazioni, per individuare gli indispensabili interventi volti a sostenere le imprese e l'economia del territorio duramente colpiti dalla chiusura parziale del viadotto Puleto. Tra gli interventi che potrebbero essere messi in campo in tempi stretti - prosegue la parlamentare - si potrebbe provvedere fin da subito al ripristino del tratto Valsavignone-Canili della vecchia arteria ex statale 3-bis per garantire una valida viabilità alternativa: un'arteria chiusa da troppo tempo, una strada che è stata declassata a comunale, ma che se ripristinata potrebbe costituire una importante alternativa all'E45 in una situazione di emergenza come quelle conseguente alla chiusura del viadotto. C'era un finanziamento per il ripristino - conclude Vietina - ma i lavori non sono mai avvenuti".

L'interrogazione è stata presentata da Maurizio D'Ettore e cofirmata, oltre che da Simona Vietina, anche da Stefano Mugnani, Catia Polidori, Galeazzo Bignami e Erica Mazzetti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento