Dalla motosega alla fotocamera, il copione è sempre lo stesso: due truffe online

Le truffe online continuano a mietere vittime. Solo nelle ultime settimane si registrano altri due casi che vedono protagonisti, loro malgrado, dei cesenati

Le truffe online continuano a mietere vittime. Solo nelle ultime settimane si registrano altri due casi  che vedono protagonisti, loro malgrado, dei cesenati che hanno effettuato degli acquisti online sul principale sito italiano di annunci di compravendita tra privati. I militari sono riusciti a tracciare gli annunci redatti da profili fittizi e immediatamente cancellati dopo l'arrivo del bonifico di pagamento e trovare e denunciare così le persone che hanno messo in atto la truffa.

In un caso si trattava di un ucraino e un siciliano residenti nel Milanese che avevano messo in vendita una motosega. Una volta ricevuto un bonifico da 300 euro, i due soggetti si sono “volatilizzati”, lasciando solo una scheda intestata ad un prestanome. Stesso copione ai danni di un 34enne che ha acquistato online una macchina fotografica per 250 euro. Anche in questo caso, dopo aver ricevuto il bonifico di pagamento, non solo non è arrivata la merce ma non è stato più possibile contattare il finto venditore. I carabinieri hanno reperito una famiglia di Napoli: una donna, la sorella e il marito sono quindi finiti denunciati per truffa online. La raccomandazione è di effettuare i pagamenti sempre e solo alla consegna e verifica della merce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento