Il Comune di Cesena ha recuperato 1,7 milioni di Ici nel 2012

Martedì mattina il generale Mario D'Alonzo, dal luglio scorso comandante regionale per la Guardia di Finanza dell'Emilia Romagna, ha fatto visita al Comune di Cesena

Tempi duri per gli evasori fiscali a Cesena. Nel corso del 2012 gli accertamenti effettuati dal Servizio Tributi del Comune ha permesso un recupero Ici pari 1 milione e 129.521 euro, a cui si aggiungono 572.235 euro arrivati da ravvedimenti dei contribuenti. Il recupero complessivo così ottenuto ammonta a poco più di 1,7 milioni di euro. Intanto, si rinsalda il rapporto fra Comune e Guardia di Finanza.

Martedì mattina il generale Mario D’Alonzo, dal luglio scorso comandante regionale per la Guardia di Finanza dell’Emilia Romagna, ha fatto visita al Comune di Cesena. Accompagnato dal Comandante provinciale colonnello Alessandro Mazziotti, il generale D’Alonzo è stato accolto dal Sindaco Paolo Lucchi e dal Vicesindaco Carlo Battistini. Nel corso dell’incontro è stata ribadita l’importanza della collaborazione fra Fiamme Gialle e Amministrazione cesenate – sancita da un protocollo d’intesa siglato a fine 2011 -  per il controllo puntuale delle documentazioni presentate al Comune per accedere a servizi, contributi e agevolazioni tariffarie legate al cosiddetto “quoziente Cesena”: risale a non più tardi di un mese fa – esattamente il 20 dicembre – la consegna della documentazione più recente, comprendente 238 dichiarazioni Isee raccolte dal settore Servizi Sociali.

“L’accordo con la Guardia di Finanza – sottolineano il sindaco Paolo Lucchi e il vicesindaco Carlo Battistini – è un importante tassello nel quadro delle misure che abbiamo adottato per combattere sempre più efficacemente l’evasione fiscale, e ringraziamo le Fiamme Gialle per l’aiuto che ci hanno fornito in questo ambito. Nel frattempo, però, abbiamo lavorato anche per costruire  un sistema di controllo interno efficace, grazie al quale abbiamo ottenuto frutti importanti, come dimostrano i dati relativi al recupero dell’Ici. Non a caso, in questi due anni, l’azione congiunta ottenuta dai controlli della Finanza e da quelli effettuati direttamente dagli uffici comunali, ha portato Cesena a imporsi come uno dei Comuni emiliano – romagnoli più attivi per quel che riguarda le segnalazioni qualificate all’Agenzia delle Entrate, collocandosi al secondo posto, alle spalle della sola Bologna, per l’entità di maggiore imposta accertata e di somme riscosse. Ora ci prepariamo a incrementare fin dai prossimi mesi l’impegno anche su altri nuovi fronti quali Tares, l’imposta di Soggiorno, l’adozione di un nuovo software per la gestione dei tributi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento