menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Città che Legge", anche per Sarsina il prestigioso riconoscimento

Città che legge” viene assegnato a tutte le realtà che promuovono l’amore per il libro e la lettura

E’ presente anche il comune plautino tra le virtuose città che si pregiano per l’anno 2020-2021 della qualifica di “Città che legge” da parte del Cepell (Centro per il libro e la lettura) in collaborazione con ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani). 

“Città che legge” viene assegnato a tutte le realtà che promuovono l’amore per il libro e la lettura. Lo scopo dell’iniziativa è di promuovere e valorizzare quelle amministrazioni comunali impegnate a svolgere con continuità sul proprio territorio politiche pubbliche di promozione della lettura. 

"E’ un riconoscimento che ci riempie d’orgoglio. – commenta il sindaco di Sarsina, Enrico Cangini – Vorrei ringraziare pubblicamente l’ANCI per averci aiutato a raggiungere questo importante traguardo. Per una città come Sarsina, che pone al centro del suo essere la cultura e l’arte, è un grande onore poterci insignire di questo attestato. L’amministrazione ha dimostrato in questi anni di voler dare grande spazio al mondo della lettura. Basti pensare che appena insediati nel 2018 abbiamo messo le fondamenta per l’espansione e l’ammodernamento degli spazi della Biblioteca Comunale, che proprio in questi mesi vedrà l’inizio dei lavori. Mi piace inoltre ricordare che durante l’emergenza Covid in mezzo a mascherine ed igienizzanti abbiamo voluto regalare a tutti i ragazzi delle scuole medie un libro-fumetto, realizzato dal Tep (Teatro Europeo Plautino), ispirato alla commedia plautina Anfitrione". 

"Abbiamo lavorato tanto in questi anni per la promozione della lettura. – sottolinea l’assessore alla Cultura, Filippo Collinelli – Mi vengono in mente tante iniziative propedeutiche ad avvicinare la popolazione e, in particolar modo, i ragazzi al mondo dei libri: i laboratori in biblioteca per i bambini, il progetto di lettura e conoscenza del dialetto romagnolo nelle scuole, le presentazioni di libri con autori di prestigio come l’onorevole Giancarlo Mazzuca, Diego Zandel, i coniugi Foà.  In questa opera di attenzione alla lettura, dobbiamo ringraziare per l’aiuto e il sostegno la scuola e le insegnanti, con le quali organizziamo già da qualche anno il progetto “Libriamoci” dove l’amministrazione si reca nelle classi a leggere brani e stralci di libri. Un grazie è giusto rivolgerlo anche al Comitato Genitori che, patrocinato dal Comune, organizza ogni estate letture per bambini in luoghi suggestivi del nostro territorio che richiamano persone da tutta la valle. Infine come dimenticare il grande evento dei “Ludi Plautini”: una collaborazione storica con il Centro Studi Plautini dell’Università di Urbino ogni anno permette di realizzare un convegno di carattere internazionali con esperti di ogni parte del Mondo che espongono e discutono tematiche legate al mondo plautino".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una bontà tradizionale: la ricetta delle Pesche dolci all'alchermes

Arredare

Divano nuovo? Ecco i consigli per non sbagliare l'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento