Cesenatico, iniziati i lavori di adeguamento del depuratore

Sono stati avviati in questi giorni i lavori di potenziamento dell’impianto di depurazione di Cesenatico che dovrebbero avere una durata di 15 mesi e saranno organizzati in modo da evitare disagi durante il periodo estivo

Sono stati avviati in questi giorni i lavori di potenziamento dell’impianto di depurazione di Cesenatico che dovrebbero avere una durata di 15 mesi e saranno organizzati in modo da evitare disagi durante il periodo estivo. Al sopralluogo operativo effettuato ieri mattina presso l’impianto erano presenti il sindaco di Cesenatico Roberto Buda e l’assessore all’ambiente Giovannino Fattori e, per conto di Hera, il Direttore Acqua Franco Fogacci e il consigliere d’amministrazione Roberto Sacchetti, accompagnati da alcuni responsabili.
 
L’importante intervento, inserito nel Piano degli investimenti per il Servizio Idrico Integrato e affidato a una cordata di imprese locali (ATI Torricelli, ConsCoop e Clafc),  è stato appaltato con un importo a base d’asta pari a € 7.200.000.
 
Il principale obiettivo del progetto è di soddisfare, con opportuni coefficienti di sicurezza, i limiti allo scarico previsti dalla normativa di settore nazionale (D.leg. 152/2006 e.s.m.) e regionale (Piano di tutela acque, D.G.R. E-R n° 1053/2003, D.G.R. E-R n° 286/2005, D.G.R. E-R n° 2241/2005), tenendo conto anche dell’aumento delle portate in ingresso al depuratore determinato da futuri sviluppi previsti dagli strumenti urbanistici e dei più stringenti limiti previsti dalla normativa.
 
Gli interventi sulla linea acque e trattamento fanghi
Gli interventi previsti dal progetto interessano le principali sezioni di trattamento dell’impianto attuale, in particolare: per ciò che concerne la linea acque le stazioni di grigliatura, dissabbiatura, disoleatura e classificazione sabbie verranno adeguate alle nuove portate e dotate di un sistema che permetterà di deodorizzare tali parti dell’impianto. Verranno inoltre ampliati i volumi di trattamento biologico, oltre che la sedimentazione secondaria e la vasca di disinfezione.
 
Nel ciclo di trattamento dei fanghi verranno potenziate le sezioni di stabilizzazione e ispessimento e adeguate le opere elettromeccaniche adibite alla disidratazione. Tutti i locali della linea fanghi saranno dotati di sistema per il trattamento degli odori.
 
Verranno infine adeguati e potenziati l’impianto elettrico e il sistema di gestione e telecontrollo.
 
"I risultati attesi, oltre ai limiti allo scarico, riguardano il miglioramento del rendimento generale, l’ottimizzazione ed efficientamento dei processi e della loro gestione - precisa Franco Fogacci, direttore Acqua di Hera Spa- I lavori, inoltre, avranno anche cura della salvaguardia del contesto ambientale in cui è inserito l’impianto, come il contenimento dell’aerosol,  del rumore e degli odori: l'intervento sulla linea fanghi, in particolare, contribuirà all’eliminazione della causa principale dei cattivi odori"
 
"Dall’inizio del mio mandato ci siamo impegnati nella lotta contro i cattivi odori che ormai da anni, ogni sera affliggono Cesenatico. Il lavoro di potenziamento, e relativo adeguamento del depuratore ad opera di Hera e sollecitato dall’Amministrazione, dovrebbe contribuire a risolvere il problema. Questo è ciò che tutti i cittadini, ed in primis gli amministratori, si augurano. Una città come Cesenatico non può permettersi di avere serate con aria nauseabonda che disturba i turisti ed i cittadini" puntualizza il sindaco di Cesenatico Roberto Buda.

 
Il potenziamento della centrale di sollevamento
Un altro importante intervento effettuato per migliorare il sistema depurativo a Cesenatico è il potenziamento, iniziato lo scorso mese di ottobre, della S9, la principale centrale di sollevamento che raccoglie le acque meteoriche e fognarie di tutto il territorio comunale e le convoglia direttamente in testa al depuratore, che comporta un  costo complessivo di oltre €. 1.500.000 (di cui circa un terzo finanziato dalla Regione). Tale intervento permetterà di gestire in maniera più efficiente anche gli apporti di acque reflue che si presenteranno durante eventi meteoclimatici importanti, rendendo possibile conferire alla depurazione portate idrauliche oggi non raggiungibili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento