rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

La rete culturale dell'Emilia Romagna prende forma

Si terrà mercoledì 31 ottobre nell'inconsueta cornice del palcoscenico del Teatro Bonci, l'incontro per la presentazione delle idee e dei percorsi che le città romagnole

Si terrà  mercoledì 31 ottobre, alle ore 17,30, nell’inconsueta cornice del palcoscenico del Teatro Bonci, l’incontro organizzato dal Comune di Cesena per la presentazione delle idee e dei percorsi che le città romagnole, e in particolare Cesena, stanno intraprendendo a sostegno della candidatura di Ravenna come Capitale europea della Cultura 2019. A introdurre i lavori saranno il Sindaco di Cesena Paolo Lucchi e l'Assessore ai Servizi e alle Istituzioni culturali Elena Baredi.

Seguiranno gli interventi del coordinatore del Comitato Ravenna 2019 Alberto Cassani (che relazionerà sullo stato di avanzamento della candidatura) e dell'Assessore alla Cultura della Regione Emilia Romagna Massimo Mezzetti, che inquadrerà le azioni intraprese per la candidatura di Ravenna nella cornice delle politiche culturali della Regione. Il programma proseguirà con Franco Pollini, coordinatore del Comitato cesenate,  che offrirà una sintesi delle idee progettuali e sulle metodologie adottate dal Comitato nella realizzazione del compito di offrire consulenza all'Amministrazione sui percorsi della candidatura.
 
Seguiranno tre relazioni, ciascuna su un ambito di interesse specifico che è stato attraversato dalla riflessione sul tema. In particolare, il prof. Andrea Segrè, direttore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-alimentari dell'Università di Bologna, relazionando su “Cultura (e coltura) del cibo”, si muoverà all'interno dell'ambito progettuale che è stato individuato come specifico della città di Cesena e che è stato denominato “Agriculture. Agri/Food/Paesaggio/Cultura”.

In modo analogo il prof. Marino Biondi, docente dell'Università di Firenze e presidente della Fondazione “Renato Serra” di Cesena, trattando di “Entusiasmo utopico, disincanto, nuovo pragmatismo. Gli uomini-libro alla soglia dell'età digitale” si riferirà all'ambito in cui il mondo della cultura cesenate si riconosce maggiormente e che è stato denominato “Sulle scritture. Arte, letterature, musica, scienze, spettacolo”.

Infine, il prof. Andrea Pollarini dello Iulm di Milano, con un intervento intitolato “Punto, linea, superficie”, approfondirà il tema delle reti culturali in generale, con particolare riferimento a quanto emerge nel contingente in Romagna. Si tratta della questione fondamentale che riguarda il modo, i tempi e le risorse che una nuova piattaforma culturale, un nuovo sistema di relazioni tra soggetti ed Enti diversi, richiede per poter essere realizzata.
 
L'incontro sarà corredato da materiali informativi, da immagini e da proiezioni. L'ingresso è gratuito fino ad esaurimento dei posti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rete culturale dell'Emilia Romagna prende forma

CesenaToday è in caricamento