Mafia in Romagna, "E' come i pidocchi, cresce dove c'è lo sporco"

Piergiorgio Morosini, un magistrato che tuttora combatte contro la mafia là dove è più radicata ha incontrato i ragazzi delle superiore

L'occasione dell'incontro con il magistrato è il ciclo finale di un percorso che ha visto i ragazzi impegnati sul fronte della “Legalità e della responsabilità individuale”. Sono stati molto interessati e presi da un argomento sempre di scottante attualità. A confermarlo le insegnati coordinatrici del progetto.

"Hanno scoperto degli aspetti della storia d'Italia che permette agli studenti di fare dei collegamenti con vicende attuali - ha detto una insegnante - quando notano che spesso malavita e Stato si sono intrecciati restano indignati".

Tante le domande che le centinaia di alunni hanno fatto al magistrato, alcune erano delle curiosità, mentre altre erano volte a capire come evitare che il fenomeno mafioso attecchisca irrimediabilmente nel nostro territorio. Dal canto suo Morosini ha siegato come funziona l'organizzazione criminale e alcune curiosità. Ad esempio, il pizzo in molti casi non è sottoforma di denaro ma di posti di lavoro. Poi ha affrontato il cuore della questione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Quando si parla di infiltrazioni mafiose sembra che qualcosa di non buono contamini un ambiente pulito, ma non è assolutamente così. C'è una richiesta di mafia che proviene da chi, ad esempio, ha bisogno di liquidità come le imprese in crisi. Oppure c'è il bisogno di ottenere determinati servizi a prezzi di gran lunga più bassi rispetto il mercato legale». Ha fatto un chiaro riferimento allo smaltimento di rifiuti tossici come quelli chimici. Gestito dalle mafie costa cinque volte meno, ma ha un impatto devastante sulla natura.

I settori più in pericolo in Romagna? «L'edilizia, le società sportive e il settore del divertimento. Lo dicono i dati ufficiali, gli stessi che assicurano che a Forlì, Ravenna e Rimini sono stati confiscati beni per milioni di euro». La domanda corale dei ragazzi è spontanea: Cosa possiamo fare? Pronta la risposta: «Ci vuole il noi. Associazioni e istituzioni che costituiscano degli osservatori. La battaglia si vince se la combattiamo insieme perchè la mafia è come i pidocchi... cresce dove c'è lo sporco».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento