menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auto stipata di refurtiva, i "professionisti del supermercato" finiscono in manette

Un controllo da parte della Volante della Polizia ha permesso di restituire la refurtiva a due supermercati ancora prima che i responsabili si accorgessero dell'ammanco

Il loro mestiere? Era quello di “svuotare” i supermercati: non pochi pezzi, ma decine e decine scelti accuratamente tra la merce più costosa. Un controllo da parte della Volante della Polizia ha permesso di restituire la refurtiva a due supermercati ancora prima che i responsabili si accorgessero  dell'ammanco. Due persone, coniugi rumeni di appena 19 anni, sono quindi finiti in manette. 

E' l'esito dell'operazione nata da un controllo di routine della volante del posto di polizia estivo di Cesenatico, lunedì intorno alle 15. I poliziotti si sono insospettiti per la presenza di una Opel Zafira con una persona a bordo, davanti al supermercato Famila sull'Adriatica, a Cesenatico, e hanno fatto un controllo di routine. E' subito emerso che la macchina era stipata di merce sospetta, fin nel vano passeggeri. Non una “spesa normale”, ma decine e decine di pezzi dello stesso tipo, da pezzi di Parmigiano Reggiano, a ricambi per spazzolini elettrici, ed ancora flaconi e spray. 

Poco dopo si è presentata anche la moglie del soggetto che stava in macchina. Entrambi risultano avere, nonostante gli appena 19 anni di età, già alcune denunce per furti all'interno del supermercato. Con una ricerca presso il produttore del Parmigiano, che si trovava in macchina ancora freddo da frigorifero, è emerso che quella tipologia di prodotto è in vendita all'Eurospin. Il controllo presso il supermercato ha permesso quindi di scoprire il furto, non ancora individuato da parte dei responsabili, per un ammanco di circa 400 euro di valore.

Altre decine di pezzi, invece, erano stati asportati dal Famila, anche in questo caso per circa 500-600 euro di valore. Nella macchina, inoltre, sono stati rinvenuti prodotti non attribuibili a nessuno dei due supermercati e quindi forse rubati in un terzo esercizio commerciale. Per il reato di furto in flagranza i due 19enni rumeni sono stati quindi arrestati e processati per direttissima, con una condanna a 6 mesi di carcere (pm Michela Guidi). Non avendo ancora riportato condanne penali hanno beneficiato della sospensione della pena. Nei loro confronti è stato emesso un foglio di via da Cesenatico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento