Ambiente, Montalti (Pd): "Cesena può diventare la prima città Plastic Free della Regione"

La consigliera regionale rinnova l'impegno: "Mettere in campo progetti innovativi per una città sempre più sostenibile"

Fare di Cesena la prima città “Plastic Free” della Regione, con un progetto che preveda sgravi sulla Tari per gli esercenti che decidono di eliminare l’utilizzo della plastica monouso. È la proposta della Consigliera regionale Lia Montalti, da sempre impegnata sulle tematiche ambientali, e relatrice della legge regionale sull’economia circolare.

“Un’iniziativa virtuosa e da prendere come esempio – afferma Montalti – è quella messa in campo di recente dal Comune di Milano, denominata “Milano Plastic Free”. Una sperimentazione che vuole anticipare la normativa europea invitando cittadini e commercianti ad attuare comportamenti e stili di vita più attenti all’ambiente. Il progetto è volto a sensibilizzare gli esercizi commerciali, i bar e i ristoranti e i loro relativi clienti ad abbandonare le plastiche monouso come bicchieri, posate, piatti, sacchetti e altri contenitori a favore di materiali alternativi, riciclabili e facilmente riutilizzabili.”

“Già il Consiglio Comunale si era espresso positivamente su una mozione proposta da Partito Democratico e Cesena Città Aperta. Considerati i risultati che la nostra città sta portando avanti sul versante di una politica sempre più virtuosa nell’ambito dei rifiuti e della raccolta differenziata – sottolinea Montalti – ritengo sia importante dare spazio a progetti concreti anche negli impegni futuri di Cesena. Su questo tema – dice Montalti – il Partito Democratico di Cesena, nel suo documento programmatico ha mostrato forte attenzione, sottolineando l’importanza di giungere al più presto alla tariffa puntuale, per ridurre la produzione e aumentare la differenziazione, trasformando così il rifiuto in una risorsa.” 

Recentemente il Parlamento Europeo ha approvato un provvedimento che vieta l’utilizzo di tutte le plastiche monouso, come posate, bastoncini cotonati e cannucce, a partire dal 2021. “Il voto del Parlamento europeo per la messa al bando della plastica monouso – sottolinea Montalti – rappresenta un primo e significativo passo nella lotta all’inquinamento da plastica. In Emilia-Romagna nel 2015 abbiamo fatto da Regione apripista su questo tema, approvando la Legge regionale sull’economia circolare, che ho seguito come relatrice, e la cui attuazione sta dando risultati positivi, con un progressivo cambiamento nello stile di vita e di consumo delle comunità.”

Su questo versante, ad oggi, è dunque positivo l’impegno a Cesena. Lo dimostrano anche i dati relativi alla raccolta differenziata, che sta continuando a crescere attestandosi oltre il 65% nel 2018 ed in parallelo con la diffusione del sistema di raccolta porta a porta. Una città che ha messo in campo anche progetti concreti come “Io riduco” che attraverso il coinvolgimento dei punti vendita del territorio sta creando un circuito virtuoso volto a ridurre gli impatti ambientali nelle attività commerciali e nell’ambiente domestico.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento