Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

A cena per l'integrazione, in cucina le comunità straniere: "Costruiamo la Cesena accogliente"

Presentato il progetto europeo "Values" che vuole favorire la vita dei tanti volontari che si spendono nelle attività di volontariato

Si alza il sipario su "Values" un progetto europeo che vuole favorire l'accoglienza e l'integrazione delle persone straniere, migranti, rifugiati e richiedenti asilo, facilitando la vita di tutte quelle associazioni e volontari che si spendono in attività di volontariato. 

Un progetto che vede il Comune di Cesena in partnership con Riga, Madrid e Brno. "E' un progetto - spiega l'assessore Carmelina Labruzzo - che in primis permette di conoscere le comunità straniere e creare una Cesena accogliente". Sono previsti degli scambi di buone pratiche tra i volontari delle diverse città europee. "I nostri volontari - spiega la referente del progetto Sofia Burioli - sono andati a Riga, Madrid e Brno, ad agosto li accoglieremo qui a Cesena".

Ma quali sono queste buone pratiche di accoglienza ed integrazione? "Ad esempio lo sportello dell'Avvocato di Strada - spiega Sara Bagnoli dell'Asp - la Comunità accogliente che gestisce un dormitorio, il Centro interculturale che insegna l'italiano agli stranieri".

"Un progetto - rimarca Roberto Zoffoli, che si occupa dei progetti europei per il Comune  - in cui poche decine migliaia di euro permettono di stimolare la ricchezza delle nostre associazioni". Collaterale all'iniziativa è il progetto Peacemakers che vede in campo gli studenti del campus cesenate "impegnati a diffondere l'integrazione all'interno dell'Università". 

Molto importante ed emblematica dello spirito del progetto è la cena in programma martedì 26 novembre alle ore 20 nella Sala primavera 3 in collaborazione con Auser, Arci e Cesena accogliente. Saranno le comunità straniere a cucinare per i volontari. Non mancheranno il Centro islamico, le donne marocchine, le Giovani mussulmane italiane, le associazioni di Benin, Senegal e Costa d'Avorio. Ma tra le iniziative in partenza c'è anche un laboratorio di cucito per le ragazze che vengono da esperienze di tratta umana.

"Un progetto - conclude Sofia Burioli - strutturato in gruppi di lavoro che vogliono tematizzare un tema ampio come l'integrazione, gli scambi sono il cuore del progetto che durerà 24 mesi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A cena per l'integrazione, in cucina le comunità straniere: "Costruiamo la Cesena accogliente"

CesenaToday è in caricamento