Politica

Nuovo ospedale a Cesena, il M5S: "La Regione dica se c'è già un progetto"

I consiglieri regionali del M5S hanno perciò presentato un’interrogazione dove inseriscono queste argomentazioni e dove tra l'altro chiedono alla Giunta se sia a conoscenza dello scambio epistolare tra i dirigenti dell’Asl e l’assessore all’Urbanistica del Comune di Cesena, Orazio Moretti

Andrea Bertani e Raffaella Sensoli, consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, così come i pentastellati di Cesena in Consiglio Comunale, hanno presentato una interrogazione per chiedere alla Giunta Regionale una presa di posizione ufficiale sul progetto della realizzazione di un nuovo nosocomio cittadino al posto del Bufalini. “In questi giorni si stanno spendendo fiumi di parole su questo argomento senza che ci sia uno straccio di documento ufficiale che confermi o meno la volontà da parte della Regione di realizzare una nuova struttura sanitaria al posto del Bufalini - spiegano i due consiglieri regionali -. Anzi, nei mesi scorsi sono stati approvati proprio dalla Regione lavori di ampliamento delle strutture del Bufalini per un importo di 5 milioni di euro, senza contare che attualmente sono tanti i cantieri aperti all'interno dei reparti dell'ospedale e che prossimamente si dovranno iniziare i lavori di ampliamento del Pronto Soccorso e ristrutturazione dell'ala est del monoblocco con il trasferimento del reparto di Gastroenterologia in una sede provvisoria. Quello che vogliamo capire è se questo tipo di investimenti hanno ancora un senso oppure no, anche perché a quanto ci risulta non è stato depositato nessun progetto o studio di fattibilità sulla costruzione di una nuova struttura”. 

I consiglieri regionali del M5S hanno perciò presentato un’interrogazione dove inseriscono queste argomentazioni e dove tra l'altro chiedono alla Giunta se sia a conoscenza dello scambio epistolare tra i dirigenti dell’Asl e l’assessore all’Urbanistica del Comune di Cesena, Orazio Moretti, sul cambio di destinazione d’uso di alcuni terreni di proprietà dell’Azienda Sanitaria in zona Villa Chiaviche: “A prescindere se esita o meno un progetto di questo tipo, crediamo che nella creazione di eventuali strutture ospedaliere sia necessario valutare in primis il recupero di immobili già esistenti, onde evitare ulteriore consumo di suolo – concludono Andrea Bertani e Raffaella Sensoli – e soprattutto trasparenza, con passaggi obbligati di illustrazione e confronto nelle sedi ufficiali dedicate, Consiglio Comunale, Ctss, e avviando all’interno dei territori interessati, percorsi partecipativi volti a coinvolgere la popolazione locale sulla loro localizzazione e/o sul mantenimento delle strutture preesistenti.  Non vogliamo che si ripetano esperienze fallimentari come quella che ha riguardato, e che purtroppo riguarda ancora adesso, l’ospedale di Cona a Ferrara (costo e tempi triplicati rispetto al progetto iniziale e scarsissima efficienza strutturale)".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo ospedale a Cesena, il M5S: "La Regione dica se c'è già un progetto"

CesenaToday è in caricamento