Montalti (Pd): "La Regione rafforzi screening di massa e analisi sierologiche"

Da qui la risoluzione per impegnare la Giunta a “proseguire il programma di screening regionale anche tramite test sierologici, monitorando e informando sull’andamento dei dati"

La Regione prosegua sullo screening di massa per monitorare la Fase 2 della pandemia. Lo chiede, con una risoluzione, Lia Montalti (Pd) che, dopo aver ripercorso quanto fatto fino ad ora dall'Ente, ricorda come “con la 'ripartenza' sia importante garantire ai lavoratori la possibilità di accedere ai test sierologici e garantire tale possibilità alle categorie più a rischio, così come ai cittadini tutti, e farlo nell’ambito del piano di screening regionale”.

Da qui la risoluzione per impegnare la Giunta a “proseguire il programma di screening regionale anche tramite test sierologici, monitorando e informando sull’andamento dei dati, continuando il confronto con le associazioni di rappresentanza dei medici di medicina generale e verificando la presenza capillare su tutto il territorio regionale di laboratori privati autorizzati, al fine di garantire la possibilità di effettuare il test a tutti i cittadini e a mettere in campo tutte le misure affinché il test sierologico possa essere utilizzato in maniera agevole dalle imprese come ulteriore strumento per garantire la sicurezza all’interno dei luoghi di lavoro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lia Montalti, inoltre, vuole che l’esecutivo regionale si impegni “ad attuare tutte le misure necessarie al fine di garantire l'accesso gratuito al test per tutte le categorie a rischio, come i lavoratori del sistema sanitario, gli operatori sociosanitari, compresi gli utenti di tali servizi, come per esempio coloro che accedono ai centri diurni; e a continuare la ricerca e lo studio sugli strumenti diagnostici, che si stanno sviluppando, al fine di garantire un costante aggiornamento delle modalità utilizzate nell’ambito del piano di screening regionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due anni di scavi per far emergere un pezzo di storia, anche il campo militare che ospitò Cesare

  • Lavori completati, riapre il supermercato: 700 metri quadrati, darà lavoro a 19 persone

  • Positiva una bambina di prima elementare, in quarantena 19 alunni

  • Un altro caso di Covid in classe, positiva una bambina della scuola elementare

  • Coronavirus, nuovo caso a Bagno di Romagna: tamponi per i contatti stretti

  • Col monopattino elettrico in autostrada, scusa incredibile del ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento