Mercato Saraceno, Farneti: "No alla chiusura del reparto di Radiologia"

E’ quanto evidenzia in un’interrogazione Ombretta Farneti, capogruppo di Mercato Saraceno Cambia, che già nell’agosto scorso aveva interrogato il sindaco, Monica Rossi, sul medesimo tema.

“Dopo le promesse, i fatti. Se è vero che si vuole scongiurare l’abbandono delle aree di alta collina e montagna e rilanciare l’economia di queste zone, la prima cosa da fare è aumentare i servizi, in primo luogo quelli sanitari (ma non solo), e non tagliarli. Mi riferisco, in particolare, al reparto di radiologia dell’ospedale Cappelli di Mercato Saraceno che continuerebbe a essere a rischio chiusura, nel caso smettessero di funzionare gli obsoleti macchinari in uso”. E’ quanto evidenzia  in un’interrogazione Ombretta Farneti, capogruppo di Mercato Saraceno Cambia, che già nell’agosto scorso aveva interrogato il sindaco, Monica Rossi, sul medesimo tema.

"La questione a tutt’oggi non appare affatto risolta. Continuano a circolarevoci insistenti - spiega Farneti - che l’apparecchio radiologico attualmente in uso nel presidio sanitario mercatese, smontato dal PS del Bufalini di Cesena e rimesso in uso nel nostro ospedale nel 2006, non sarà più sostituito, dopo il primo guasto, e che, di conseguenza, l’intero reparto, se questa circostanza si dovesse verificare, sarà chiuso nonostante risponda a decine di richieste di prestazioni giornaliere. L’obiettivo dei vertici della sanità romagnola e regionale rimane, quindi, sempre quello di cancellare un servizio importante per la collettività di Mercato, trasferendo gli esami radiologici con presenza di medico all’Angioloni di San Piero. Un disegno che consideriamo non accettabile perché negaservizi essenziali ai residenti in zone montane, spesso anziani e in situazione di difficoltà. Ci sentiamo trattati come numeri e non come persone a cui è un dovere fornire servizi”. 

“Nell’interrogazione di agosto ricordai al sindaco Rossi le promesse fatte in campagna elettorale che nessun servizio del nostro ospedale sarebbe stato chiuso e che addirittura ne sarebbero arrivati dei nuovi - conclude Farneti -. Oggi non crediamo più a queste promesse, ma pretendiamo che amministrazione mercatese e Unione dei Comuni Valle Savio intervengano nei confronti dei vertici dell’Asl Unica della Romagna e dell’assessorato regionale alle Politiche per la salute per mettere la parola fine al progetto di chiusura di questo o di altri reparti dell’ospedale Cappelli e per chiedere che venga dotato di macchinari più moderni e funzionanti”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento