menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo l'alluvione, M5S: "Un incontro pubblico sugli interventi in corso"

Sono passati otto mesi dall’ultima alluvione a Cesenatico, che ha visto parecchie famiglie e attività economiche subire danni, disagi e spavento, quando le proprie case, attività e campi agricoli sono stati sommersi

Sono passati otto mesi dall’ultima alluvione a Cesenatico, che ha visto parecchie famiglie e attività economiche subire danni, disagi e spavento, quando le proprie case, attività e campi agricoli sono stati sommersi. Strade allagate, perdite di gas e sottopassi rimasti chiusi, hanno riempito le pagine dei quotidiani per settimane. A Sala l’Olca e il Rigoncello avevano tracimato e allagato le zone limitrofe, mentre a Valverde e Ponente il mare è risalito fino a 300m verso terra. Il M5S chiede su questo tema che provvedimenti ha in serbo il Comune.

Scrive Alberto Papperini, Consigliere M5S Cesenatico: “Alla vigilia del nuovo autunno ci si interroga su quali siano state le iniziative dell’Amministrazione per evitare l'ennesimo disastro. La cittadinanza vorrebbe conoscere quali azioni sono state intraprese dalle Istituzioni, al fine di evitare il ripetersi di circostanze già troppo spesso avvenute”.

Continua Papperini: “Nei giorni successivi agli allagamenti si replicarono assemblee pubbliche, dove appunto le Istituzioni e il Consorzio di Bonifica illustrarono ai cittadini i lavori da eseguire nell’immediato. Con la stagione invernale alle porte è quanto mai opportuno sapere su quali interventi di sicurezza idraulica, prevenzione e messa in salvaguardia del territorio, possiamo contare. Il gruppo consiliare MoVimento 5 Stelle chiede all'amministrazione di attivarsi per programmare, con la collaborazione del Consorzio di Bonifica, una serata di informazione e confronto sugli interventi prioritari messi in campo, dalle video ispezioni della rete di scolo delle acque bianche e la pulizia di condotte e caditoie, agli investimenti avviati e l’aggiornamento del Piano delle Acque”.


“Offrire ai cittadini un utile momento di confronto e conforto, con personale qualificato a illustrare i dettagli degli interventi più urgenti. Chi vive e lavora a Cesenatico ha il diritto di conoscere se, a meno di un anno dall’ultima alluvione, i letti dei canali e i fiumi sono stati sistemati oppure se, nonostante tutto, il territorio è ancora a rischio esondazioni”, conclude Papperini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento