rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Politica

Cesena Siamo Noi: "In città 115 chilometri di percorsi ciclabili? Riscontrate diverse criticità"

"L’analisi svolta evidenzia diverse criticità, che portano a ridurre di molto i chilometri percorribili in piena sicurezza"

"A Cesena ci sono realmente 115 chilomeri di percorsi ciclabili?". A chiederselo è Cesena Siamo Noi cha spiega: "Abbiamo analizzato i percorsi ciclabili che attraversano il territorio cesenate, presentati anche nel recente Pug come una rete di 115 chilometri, sostanzialmente sicura e senza ostacoli. L’analisi svolta evidenzia invece  diverse criticità, che portano a ridurre di molto i chilometri percorribili in piena sicurezza".

"Per valutare se sono piste ciclabili, più correttamente “Percorsi ciclabili”, è necessario procedere con l’analisi di vari fattori, quali: la tipologia (isolata o su carreggiata stradale, ecc.), la continuità (non linee spezzate sulla carta o su strada), gli arredi urbani o altro presenti lungo il percorso, la pavimentazione (complanare senza rialzi o buche), la visibilità nelle intersezioni, etc. Se questi fattori non sono rispettati è un mero esercizio di aritmetica che non dice quanto una città sia acco-gliente per chi pedala. Questa tendenza è analoga a quella in merito al numero di km di percorsi previsti nel PUMS (pia-ni urbani della mobilità sostenibile) o nel PUG (piano urbanistico generale), dove la città prevede geograficamente le nuove realizzazioni ed individua i percorsi ciclabili esistenti, ma non viene menzionato alcunché in merito alla loro qualità ed efficacia".

Prosegue CSN: "All’interno del “Quadro conoscitivo” del PUG nella relazione sulla mobilità, sulla parte riferita alla rete ciclabile locale, è messa in evidenza la cartografia con tutte le piste ciclabili esistenti (km 98) e di progetto (km. 17) per un totale di km. 115, dove in didascalia è scritto: “ Sistema urbano della mobilità pubblica in sicurezza”, ed inoltre: “In generale, la rete è risulta essere in gran parte sicura e priva di ostacoli di difficile valicabili-tà. La criticità maggiore riscontrata è relativa alla percezione del comfort in alcuni assi dove il fondo stradale non è nelle condizioni ottimali ed alcuni punti di conflittualità con pedoni e traffi-co veicolari.”. Come è noto il Codice della Strada, ma anche norme e regolamenti specifici, è il principale rife-rimento normativo che introduce la circolazione delle biciclette che sono considerate un veicolo a tutti gli effetti, anche se viene riconosciuta la vulnerabilità dello stesso. Si tratta quindi di individuare una fattispecie di itinerario nella quale il ciclista trova dei provvedimenti e o delle infrastrutture che gli rendono la percorrenza più agevole con il massimo grado di protezione e di muoversi più in generale in tutte le strade che gli sono consentite. Vi sono nel territorio di Cesena sentieri ciclabili e/o percorsi natura in zone protette come sui bor-di dei fiumi (Pisciatello e Savio) dove le biciclette possono circolare liberamente senza l’ossessione di automezzi o di ingressi carrabili o percorsi ciclabili come quello che collega Pie-vesestina con zona ex Arrigoni. Questi percorsi, di una certa lunghezza, possono raggiungere al massimo 30/40 km".

"Assunti questi principi - prosegue ancora Cesena Siamo Noi - il nuovo Piano Urbanistico Generale individua sulle tavole (T2), una fitta rete di percorsi ciclabili che vanno in conflitto con il traffico veicolare e con un fondo stradale in pessime condizioni. Oltre a queste criticità si aggiunge, sempre per percorsi ciclo-pedonali, anche gli attraversamenti di centri abitati periferici oppure, ciò che più lascia interdetti, cavalcavia di strade o ferrovie dove le larghezze delle carreggiate sono sufficienti al transito degli automezzi/autoarticolati, senza il ben che minimo spazio necessario per la creazione di un percorso cicla-bile protetto o la necessaria segnalazione orizzontale.Con questa breve analisi, della decantata fitta rete di percorsi ciclabili, rimane solo un numero non veritiero in quanto sia sulla carta, ma anche su strada, i chilometri enunciati nel PUG e dai vari articoli pubblicitari non corrispondono al vero. Al singolo ciclista o gruppi familiari non viene consentito praticamente di circolare liberamente, senza il timore di essere falciati dagli automezzi sui fantomatici percorsi ciclabili".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesena Siamo Noi: "In città 115 chilometri di percorsi ciclabili? Riscontrate diverse criticità"

CesenaToday è in caricamento