Gagliardi (PdL): "Hera indebitata per 2,8 miliardi di euro"

Hera si indebita sempre di più con la politica delle acquisizioni e il pacchetto degli enti pubblici rischia di passare sotto la soglia del 50%. E' il rischio che paventa il PdL

Hera si indebita sempre di più con la politica delle acquisizioni e il pacchetto degli enti pubblici rischia di passare sotto la soglia del 50%. E' il rischio che paventano Stefano Gagliardi  e Valerio Roccalbegni, consiglieri del PdL in Provincia di Forlì-Cesena. Il riferimento è alla volontà della Cassa Depositi e Prestiti di investire 100 milioni nell'aumento di capitale di Hera, soldi che serviranno all’ acquisizione di Acegas-Aps, che distribuisce gas-acqua-luce e gestisce i rifiuti di Padova e Trieste,

Quindi dicono i due consiglieri: “Qual è il vantaggio per gli enti soci, visto che ciò porterebbe l'indebitamento a 2 miliardi  e 8oo milioni di euro, con il rischio ulteriore che il pacchetto in mano alla parte pubblica scenda sotto il 50%? Si prevede forse un ulteriore aumento delle tariffe, già ora tra le più care d'Italia, alla faccia dello scopo sbandierato alla nascita di Hera , che prevedeva migliori condizioni agli utenti finali, cioè ai cittadini?”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine in tema di risparmio e di lotta alla casta spingono il tasto degli stipendi, i due consiglieri PdL: “Non è forse il caso, invece, di rivedere gli emolumenti del Presidente e Amministratore delegato che assommano a circa un 1 milione di euro, ovvero più di quello che costa l'intero Consiglio provinciale di Forlì, Giunta compresa? E' corretto che i soldi pubblici invece di essere sbloccati per garantire il saldo alle aziende che attendono il pagamento delle loro fatture e che per questi ritardi rischiano il fallimento, vengano utilizzati invece per operazioni di questo genere, che sembrano appagare più l'appetito di qualche partito (forse il PD?) che l’interesse della collettività?
che peso avrà la volontà dei comuni soci, già oggi pressoché inascoltati, a fronte dell’entrata di un socio così importante nella gestione della società?”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento