Superbike a Imola, Rea "rovina" la festa Ducati. Savadori chiude ottavo

Scatto dalla Superpole, Rea ha allungato sin dal prime varianti. Ha inanellato qualche giro veloce, quanto basta per garantirsi la vittoria numero 58, una in meno di re Cal Fogart

Oltre 25 secondi dal vincitore Jonathan Rea. Lorenzo Savadori chiude Gara 1 del Gran Premio d'Italia, quinto round del mondiale Superbike a Imola, all'ottavo posto, facendo meglio del compagno di squadra Eugene Laverty, che ha concluso al dodicesimo posto. Il cesenate si poteva attendere qualcosa di più dalla sua RSV4 1000 dopo l'ottimo venerdì, ma la sua prestazione è stata condizionata da una partenza poco felice. Savadori è riuscito a risalire, fermando la sua rimonta all'ottavo posto.

Chi ha fatto la gara perfetta è stato Rea. Scatto dalla Superpole, ha allungato sin dal prime varianti. Ha inanellato qualche giro veloce, quanto basta per garantirsi la vittoria numero 58, una in meno di re Cal Fogarty. Prova di forza della "verdona", che in casa Ducati ha portato sul secondo gradino del podio anche Tom Sykes. A salvare il bilancio della Casa di Borgo Panigale ci ha pensato Marco Melandri, terzo. I tifosi della rossa si attendevano la "quinta" consecutiva di Chaz Davies.

Il gallese è incappato in un sabato "no": prima la scivolata in Superpole alla Variante Bassa, poi una brutta partenza e quindi un nuovo errore alla Variante Bassa, con un "lungo" che l'ha fatto precipitare in settima posizione. Davies ha rimontato di rabbia, arrivando ad insidiare il podio del compagno di squadra.

Con il quinto successo sulla pista del Santerno, Rea allunga in campionato, con 42 punti su Davies e 53 su Melandri. Ma la Superbike offre una seconda chance: c'è Gara 2 e l'inversione della griglia potrà rimescolare le carte in tavola. Il numero 7, che partirà dalla pole, avrà così la possibilità di prendersi la rivincita, dopo aver mostrato un consistente passo gara durante la rimonta.

Gli altri

Bella la gara del riminese Michael Ruben Rinaldi, a lungo quarto, che ha chiuso settimo con la Ducati del Junior Team Aruba. L'ex campione dell'Europeo Stock 1000, preceduto dalla Yamaha di Michael Van Der Mark, si è messo alle spalle Savadori. Chiude la top ten la Kawasaki del team Puccetti Racing di Leon Haslam e la Yamaha di Alex Lowes. Da segnalare l'incidente dell'australiano Jason O' Halloran, sostituto di Leon Camier, alla Villeneuve, trasportato in ospedale per controlli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento