Rugby, per Fantini è obbligatorio restare concentrati

Approfittando dell’ampio spazio lasciato dal Sei Nazioni, parte oggi una serie di interviste che permetteranno a tutti i tifosi e gli appassionati di conoscere meglio gli atleti del Romagna RFC

Approfittando dell’ampio spazio lasciato dal Sei Nazioni, parte oggi una serie di interviste che permetteranno a tutti i tifosi e gli appassionati di conoscere meglio gli atleti del Romagna RFC. A rompere il ghiaccio ci pensa il capitano Fantini, che a discapito dei suoi 24 anni è già uno dei giocatori di maggiore esperienza nel pack romagnolo. 

Matteo, classe 1987, ha mosso i primi passi nei settori giovanili del Cesena Rugby, per approdare al Romagna RFC già dalla prima stagione nel 2006/2007. Atleta potente e dalla forte prestanza fisica, da quest’anno ha ereditato i gradi di capitano da Scozzatti. Fantini, con ben 66 marcature in carriera, detiene il record di mete segnate con la maglia dei galletti ed è stato il secondo giocatore dopo Emanuele Cossu a superare la soglia delle 100 presenze con il Romagna RFC. 

“Molto bene per i risultati raggiunti, lei sei vittorie consecutive dimostrano che la squadra sta reagendo bene agli stimoli dei tecnici”, esordisce Matteo Fantini parlando del lavoro della squadra. “Il gruppo è molto unito e per me è un grande onore essere il capitano di questa formazione. È fondamentale rimanere concentrati sul nostro obiettivo che è la salvezza. I giochi sono ancora del tutto aperti e dobbiamo mantenere a distanza le avversarie.”.

Dunque la parola d’ordine è non abbassare la guardia e sfruttare la sosta del campionato per prepararsi al meglio ai prossimi impegni di campionato: “Durante queste due settimane di pausa, nonostante la neve dobbiamo continuare a lavorare sull’aspetto fisico, perché stando fermi c’è il rischio di perdere il ritmo della partita. Dobbiamo mantenere alta la concentrazione perché la prossima partita con l’Avezzano è importantissima: speriamo di poter riscattare il risultato dell’andata come abbiamo fatto nell’ultima partita. Con il Valpolicella siamo stati bravi a gestire la gara e a evitare la loro rimonta, considerando che avevano il vantaggio di giocare in casa.”.

Il numero 8 romagnolo conclude poi con una battuta riguardo all’alto numero di mete da lui segnate: “Fare meta fa sempre piacere ma la cosa più importante sono le azioni che vengono costruite da tutto il gruppo.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento