Dopo 53 anni il derby è del Cesena: la risolve Ricciardo, Forlì ko con onore

Nel primo tempo sia il Cesena che il Forlì hanno cercato il gol, giocando a viso scoperto. Ne è venuto fuori un primo tempo gradevole

53 anni dopo il derby Cesena-Forlì. A fare da contorno alla sfida della via Emilia una cornice di pubblico incredibile. Nel primo tempo sia il Cesena che il Forlì hanno cercato il gol, giocando a viso scoperto. Ne è venuto fuori un primo tempo gradevole: la squadra di Nicola Campedelli non sono più propensa a difendere e ripartire, quella di Beppe Angelini ad impostare. Per gli ospiti due occasioni, con Ambrosini e Vesi, mentre i padroni di casa hanno colpito un legno con Alessandro. Nella ripresa il Forlì resta in dieci per la doppia ammonizione di Tonelli e perde Vesi per un grave infortunio. I padroni di casa pressano e la sbloccano col solito Giovanni Ricciardo a 10 dalla fine. 

Al quarto minuti la prima azione bianconera: bella apertura di Campagna per Alessandro sulla destra, cross in mezzo per Ricciardo che però viene fermato prima della conclusione. Risponde il Forlì: al nono punizione dal limite di Ambrosini che cerca il colpo a giro, ma la palla viene d eviata in angolo dalla barriera bianconera. È una partita piacevole. Al 18esimo icursione sulla sinistra di Valeri, palla in mezzo per Tola che segna, ma il direttore di gara Piazzini ferma tutto per posizione irregolare di Valeri. Al 21' Ambrosini cerca il colpo dalla lunga distanza, Agliardi vola e devia in angolo. Tre giri di lancette più tardi sinistro di Alessandro, palla che si spegne a lato. Al 26' padroni di casa vicino al gol: Alessandro calcia un destro che si stampa sul legno superiore. Al 32' Forlì pericoloso: Nigretti cerca la girata in area, ma il suo sinistro esce di poco a lato. Non succede nulla fino al quinto minuto di recupero: da calcio d'angolo di Vesi gira di testa all'incrocio, l'intervento di Agliardi è prodigioso.  

La ripresa inizia col secondo giallo (dubbio) a Tonelli per fallo su Tortori, col Forlì costretto in 10. Campedelli a questo punto toglie Graziani e inserisce Cortesi. De Feudis ci prova due volte dalla distanza, ma senza impensierire la retroguardia forlivese. Al 19' Cesena pericoloso: destro di Benassi dai 30 metri e palla che esce di poco alla sinistra di Mordenti. Al 28' serie di conclusione a rete in mischia in area ospite, con la palla deviata sulla riga più volte (tiro di Capellini prima e di Tortori poi) a portiere battuto. Al 35' la sblocca il solito Ricciardo, con un'incornata vincente sotto la Curva Mare. Nel finale Cesena in dieci per doppia ammonizione di Ciofi. I bianconeri volano, il Forlì cade con onore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Tante classi in quarantena ed un morto, l'evoluzione del virus nel Cesenate

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

Torna su
CesenaToday è in caricamento