menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Brutto scivolone interno per la Fenice Sar Thermolutz contro i liguri dello Spezia

Gli ospiti hanno potuto contare su una freschezza fisica e su una solidità a rete maggiore dei padroni di casa, che ha pagato soprattutto nell'allungarsi della sfida

Brutto scivolone interno per la Fenice Sar Thermolutz contro i liguri dello Spezia, rimontata dopo essere stata in vantaggio per 2-1 e 13-10 nel quarto parziale, vittima dei propri errori (10 nel secondo parziale e 9 nel quarto!) e della scarsa lucidità in attacco, spesso vittima del muro spezzino; di contro gli ospiti hanno potuto contare su una freschezza fisica e su una solidità a rete maggiore dei padroni di casa, che ha pagato soprattutto nell'allungarsi della sfida. Coach Casadei deve rinunciare per l'occasione a Gianluca Casadei impegnato in Spagna con il beach volley ed ha in campo stoicamente Bertacca nonostante i guai alla schiena che lo hanno colpito in settimana; Venturini quindi nello starting six in posto 2 con il resto del sestetto invariato; Spezia si schiera con la formazione annunciata con Tosi-Perissinotto palleggiatore-opposto, De Rosa e Scapizzi al centro, Poli e Giannelli in posto 4 e Pozzatello libero.


Nel primo set è la qualità al servizio della Fenice a scavare il solco; prima con Boschetti, poi con Venturini e Mughetti, la ricezione ligure viene messa alle corde con il libero Pozzatello bersagliato e Tosi costretto agli straordinari - il resto lo fa il muro che sporca molto e gli errori in attacco ospiti (25-15). Partenza lenta nel secondo (0-4) con i liguri che alzano la saracinesca con De Rosa e Perissinotto; colpo di reni della Fenice che riesce a riportarsi sotto sino al 18 pari, poi sono gli errori a ripetizione (10 nel parziale) a consegnare il set a Spezia (25-19). Operazioni di nuovo in mano ai padroni di casa nel terzo set con Pierini ad orchestrare bene i suoi che trovano continuità con Rossi e Mughetti al centro e riescono a mantenere un buon vantaggio per tutto il set; nel quarto sembra che l'inerzia della gara passi definitivamente in mano a Boschetti e soci (13-10), salvo poi bissare il quantitativo di errori del secondo set (9 in questo caso), consentendo a Spezia di rientrare sul 18 pari (attacco out di Boschetti) e di mettere la testa avanti con i muri di Perissinotto (25-21).

Nel quinto set c'è solo Spezia in campo che parte subito bene sul servizio di Scapizzi (3-0); al cambio di campo rosso per proteste a Boschetti per una decisione alquanto dubbia su attacco di Venturini (9-3, quasi sicuramente il capitano sarà squalificato per la prossima sfida contro Mirandola), con i liguri che sul filo dell'entusiasmo trovano in Giannarelli il riferimento per chiudere la contesa (15-8). Prossima sfida, sabato 7 marzo, alla seconda della classe Mirandola dell'ex Lucconi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento