Vicenda Gessi, l'amministrazione comunale: "Chi ha sbagliato, pagherà"

Sulla vicenda “Gessi”, che tanto ha fatto parlare e sta facendo parlare anche nelle ultime settimane, interviene con una nota l’amministrazione comunale di Cesena che cerca di precisare diversi punti.

“In relazione alle diverse prese di posizione apparse in questi giorni sulla vicenda de I Gessi, rileviamo come vi sia un pervicace attacco all’Amministrazione in quanto, a detta di qualcuno, avrebbe deciso di scaricare le responsabilità dell’intera la vicenda su qualcuno di specifico ed, in modo particolare, sulla dirigente che firmò l’atto di concessione dell’immobile, che nel 2002 era la dottoressa Dea Frani, oggi in pensione”

Sulla vicenda “Gessi”, che tanto ha fatto parlare e sta facendo parlare anche nelle ultime settimane, interviene con una nota l’amministrazione comunale di Cesena che cerca di precisare diversi punti.

“Ad evitare equivoci e “scivoloni”, è forse opportuno inquadrare con precisione alcuni elementi. Innanzitutto, chiunque abbia l’onore di lavorare nell’amministrazione della propria città (sia con funzioni tecniche come i funzionari e dirigenti, sia con funzioni politiche come gli amministratori) sa bene di essere responsabile degli atti che sottoscrive o che approva. Lo è anzitutto nei confronti dei cittadini ma lo è anche nei confronti delle norme che regolano la comunità. Considerato come inattaccabile da chiunque questo principio di base, in tutta la vicenda de I Gessi l’Amministrazione Comunale non ha mai personalizzato le responsabilità; ha semplicemente (e coerentemente) affermato che, qualora vi siano state ricadute erariali dalla vicenda, si attiveranno le procedure necessarie alla chiamata in causa di chi ha sottoscritto atti dichiarati non conformi dalle sentenze. Semplice e lineare” si legge in una nota del Comune di Cesena.

“O qualcuno pensa - precisano dal Municipio - che, quando si sbaglia nella pubblica amministrazione, nessuno debba assumersene le responsabilità e pagarne le conseguenze? Ciò premesso, questo non significa, come qualcuno adombra, che il Sindaco si alzi un mattino ed indichi le persone che lui stesso ritiene responsabili degli atti che hanno arrecato danno al nostro Comune. Più semplicemente, esiste una procedura, che si basa sulle segnalazioni alla Corte dei Conti. In capo a tale organismo, infatti, ricade il compito di accertare il danno erariale o la responsabilità contabile di dipendenti ed amministratori pubblici. Per questo il Segretario Generale del Comune, dottoressa Manuela Mei, nel giugno del 2016, ha inviato alla Procura della Corte dei Conti dell’Emilia-Romagna le sentenze fino a quel momento emesse nei vari gradi di giudizio. Coerentemente, alla medesima Procura della Corte dei Conti verranno inviate la sentenza della Corte di Cassazione e la sentenza con cui il Tribunale di Forlì quantificherà il danno da riconoscere alla società Al Monte”.

“Solo allora la Corte dei Conti avrà tutti gli elementi per indicare, in modo chiaro ed inequivocabile, i dirigenti e funzionari in capo ai quali sta la responsabilità degli atti su cui il Comune sarà purtroppo chiamato a pagare un risarcimento. Come appare chiaro, nessuna lista di proscrizione, ma una mera esecuzione delle previsioni normative, a tutela della struttura comunale e della comunità cesenate. Per parte nostra, poiché gli atti oggetto del procedimento giudiziario sono di natura tecnica (anche in virtù della netta demarcazione fra compiti gestionali e compiti amministrativi), ci pare che tali responsabilità risiedano nella struttura tecnica che seguì il procedimento (e, tra questi, ci pare che le stesse siano anche riconducibili a chi a suo tempo sottoscrisse la concessione) e non nella parte politica che indicò le linee di indirizzo. Ma qualora la Corte dei Conti ravvisasse responsabilità diverse, come sempre rispetteremo la sentenza, avendo come unico obiettivo quello dell’individuazione della responsabilità contabile ed erariale dell’accaduto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento