Politica

Una trattoria 'stellata' al Montefiore, l'assessore Mazzoni fa il punto sul progetto

"L’antica casa colonica dove si sarebbe dovuta insediare la trattoria - spiega l'assesore Mazzoni - lo scorso 22 dicembre è parzialmente crollata a causa delle forti raffiche di vento"

“L’Accordo di Programma Montefiore sarà confermato rispetto alla destinazione d’uso”. È quanto dichiara l’Assessora all’Urbanistica e Rigenerazione Urbana Cristina Mazzoni rispondendo all’interrogazione presentata lo scorso febbraio dal Gruppo Consigliare della Lega in merito alla demolizione di parte della casa colonica adiacente alla futura nuova ala del centro commerciale.

L’antica casa colonica dove si sarebbe dovuta insediare la trattoria, si legge nella risposta all’interrogazione, lo scorso 22 dicembre è parzialmente crollata a causa delle forti raffiche di vento, con il collassamento di una porzione del fabbricato che ha coinvolto il solaio di copertura, il solaio del primo piano e I'intera facciata sud. Per maggiore sicurezza, essendo la casa a ridosso di un marciapiede e di una pista ciclabile, la proprietà ha deciso di demolire parzialmente anche la porzione di edificio non collassata. Edificio che non era soggetto ad alcun vincolo storico-architettonico.

“Il privato proprietario dell’immobile – prosegue l’Assessora Mazzoni – ha confermato l’intenzione di insediare in quel fabbricato un punto di ristorazione di alta qualità (per quanto riguarda la definizione di “Stellato” occorre ricordare che è la Michelin ad assegnare le stelle ai locali), rispettando l’ordine di priorità di esecuzione dei lavori contenuto nell’Accordo di programma Montefiore: nuova Caserma dei Carabinieri, ampliamento del Centro Commerciale Montefiore e, da ultimo, il cantiere per la casa colonica, per il quale verrà presentato un nuovo progetto. Lavori che, dopo i rallentamenti subiti per le note problematiche intervenute sulle imprese di costruzione esecutrici (GED e CMC), sono ripresi regolarmente già da tempo”.

“Ad oggi – conclude l’Assessora Mazzoni – non è ancora stata presentata una SCIA (Segnalazione certificata di inizio attività) al Suap (Sportello unico per le attività produttive), necessaria per poter avviare una attività di ristorazione per il semplice fatto che deve fare riferimento a locali già costruiti e agibili”.

La Lega

“Stupisce che siano bastate alcune raffiche di vento, pur forte, per far collassare una porzione dell’edificio di pregio, ubicato nell’area Montefiore, destinato ad accogliere una trattoria di ‘alta qualità’. Crediamo infatti che, prima di decidere l’utilizzo della struttura come locale pubblico, ne siano state verificate le condizioni strutturali e la stabilità. In caso contrario, l’edificio avrebbe potuto costituire un pericolo per le maestranze che hanno lavorato per mesi e mesi nel cantiere, oltre che per chi circolava sul marciapiede o nella pista ciclabile, come sostiene l’assessore Cristina Mazzoni. Una risposta che non convince, quindi, perché si potrebbe ipotizzare che ci sia stata qualche superficialità nel cantiere per non aver verificato la stabilità effettiva della struttura. E’ vero, infatti, che il 19 dicembre c’è stata un’allerta meteo che prevedeva raffiche di vento forti in territorio romagnolo, ma non sembra che, a Cesena, si sia trattato di un fenomeno particolarmente grave, e non si conoscono altri ‘crolli’ in città, almeno a quanto è dato di sapere. C’è da dire, in ogni caso, che il cantiere è in grande ritardo, certamente per le difficoltà delle imprese esecutrici, ricordate dall’assessore. Ma è anche evidente che, a suo tempo, l’insediamento della trattoria di ‘alta qualità’ nell’edificio abbattuto ha avuto ampio spazio sulla stampa e che il locale avrebbe dovuto aprire i battenti a fine 2018/inizio 2019. Invece, a marzo 2020, siamo ancora al punto di partenza. Inutile ribadire che la risposta dell’assessore all’interrogazione non soddisfa”. E' la replica della Lega.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una trattoria 'stellata' al Montefiore, l'assessore Mazzoni fa il punto sul progetto

CesenaToday è in caricamento