Domenica, 21 Luglio 2024
Politica

Romagna Acque, Sel punta il dito contro la spending review

I coordinatori provinciali di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini di Sinistra Ecologia e Libertà, nell’imminenza del rinnovo del CDA di Romagna Acque, intervengono per denunciare che quanto disposto dal governo Monti con la cosiddetta spending review, nel nome di "un presunto taglio ai costi della politica

I coordinatori provinciali di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini di Sinistra Ecologia e Libertà, nell’imminenza del rinnovo del CDA di Romagna Acque, intervengono per denunciare che quanto disposto dal governo Monti con la cosiddetta spending review, nel nome di "un presunto taglio ai costi della politica, produce invece l’impossibilità di ricorrere alle migliori competenze disponibili nel governo dei nostri territori".

"In nome di un risparmio tanto sbandierato quanto presunto, si è reso obbligatorio il ricorso a personale tecnico, oltretutto non specialista del settore: si è cioè ridotto a problema meramente tecnico un ambito di decisioni che non può che essere politico (di confronto delle idee, di scelte strategiche), impedendo la nomina di persone che nel cda di Romagna Acque portino le ragioni della proprietà pubblica dell’acqua, le stesse affermate con il referendum del giugno 2011 dalla maggioranza degli italiani".

"In questo quadro, ricordando che la spending review del governo Monti fu da noi subito criticata perché compromette un rapporto democratico delle istituzioni coi cittadini, i coordinatori di SEL chiedono ai sindaci che compongono l’assemblea di Romagna Acque (e che il 25 giugno prossimo dovranno nominare il nuovo cda) di trovare comunque un modo, pur nel rispetto di norme sbagliate e da cambiare, per dare rappresentanza in questo organismo agli esponenti e alle ragioni del comitato referendario   in difesa dell’acqua pubblica, che ben rappresentano, secondo SEL, la volontà politica della maggioranza degli abitanti dei territori serviti da Romagna Acque".

"Una scelta come questa aiuterebbe a riavvicinare i cittadini a enti e istituzioni chiamati a governare questi problemi: un rapporto molto provato, fin qui, dalla mancata applicazione dell'esito del referendum sull'acqua pubblica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Romagna Acque, Sel punta il dito contro la spending review
CesenaToday è in caricamento