Primarie Sel, i candidati cesenati si presentano

Oltre alle primarie del Partito democratico, domenica ci saranno anche quelle di Sinistra Ecologia e Libertà. Sono tre i candidati: Oriana Casadei, Paola Farneti e Emanuele Lucchi

Oltre alle primarie del Partito democratico, domenica ci saranno anche quelle di Sinistra Ecologia e Libertà. Sono tre i candidati: Oriana Casadei, Paola Farneti e Emanuele Lucchi. Si tratta di persone impegnate nella società civile, che solo di recente hanno scelto l’impegno politico come via per un'alternativa di governo nelle politiche del lavoro, nella scuola, nella cultura e nella ricerca, nella protezione sociale e nelle scelte energetiche ed ambientali.

Aperti dalle ore 8 alle 20, i seggi disponibili nel comprensorio cesenate sono i seguenti: Cesena, sede di Sel, via Subborgo Valzania 53 (presso Porta Santi); Mercato Saraceno, ex Scuola elementare di Montecastello, via Europa 18; Sarsina, via G. Cappello 20; Longiano, Sala Pertini, Piazza XI Ottobre 1; Cesenatico, Circolo Arci Borella, via Cesenatico 222; Savignano sul Rubicone, Sala Anpi, Coop Circolo Ricreativo “Rubicone”, Piazza Castello 19. Sono ammessi al voto tutti gli iscritti all’albo elettori del Centro-Sinistra, istituito per le ultime Primarie, e i tesserati di Sinistra Ecologia e Libertà.

Oriana Casadei – "L’abbandono a se stessa della scuola pubblica, messo in atto dal ministro Gelmini, e continuato dal ministro Profumo, mi ha spinto a impegnarmi in prima persona all’interno di S.E.L, un partito molto attento alla formazione del cittadino e alla tutela dei suoi diritti e che perciò considera la scuola e la cultura cardini della società. Dalla crisi non si esce tagliando risorse alla scuola per un malinteso imperativo di risparmio, né peggiorando le condizioni di chi vi lavora facendo con misconosciuta fatica il lavoro più importante del mondo. Sono convinta che dalla crisi si esca, al contrario, investendo nel settore della conoscenza, non certo distruggendo il sistema pubblico dell’istruzione, che deve restare pubblico e alla portata di tutti. Bisogna pensare e difendere un modello di formazione serio, qualificato, adeguatamente finanziato, che garantisca pari opportunità per tutti, nella convinzione, come sostiene Vendola, che ”la scuola chiude la prigione”. Del resto ce lo raccontano le statistiche: nella popolazione carceraria italiana, tra il 70 e l’80% non ha superato la scuola media inferiore, mentre i laureati sono meno dell'1%".

Paola Farneti – "Quando me l’hanno chiesto, ho accettato la candidatura in Sel per una testimonianza e un impegno: testimoniare da che parte sto (sono sempre stata) e dichiarare la mia disponibilità a lavorare per questo. Perché sì, sto da una parte. Penso che una società che lascia indietro gli ultimi non vada molto lontano, e comunque è una società che non mi piace. Perché troppo spesso gli ultimi non sono tali a causa del fatto che non hanno “meritato” di arrivare primi. Difendere strenuamente i servizi (la sanità, una buona sanità anche per chi non può pagare, l’assistenza alle persone più in difficoltà, una vita dignitosa ai disabili e alle famiglie che si prendono cura dei propri malati e non autosufficienti) non è «un lusso che non possiamo più permetterci» come va dicendo chi dei servizi dello stato può già fare a meno. Difendere i cosiddetti servizi sociali è l’atto primo di ogni politica che voglia riscoprire la propria autentica vocazione, cioè rendere più umana la vita di tutti. In SEL vedo la difesa più esplicita e più netta di questo semplice fondamentale principio, che - sono certa – può dare una spinta in tal senso all’intera coalizione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emanuele Lucchi - "Ho deciso di candidarmi per rappresentare tutti i giovani, gli studenti e i precari dell’Emilia Romagna, per difendere la mia generazione che ha visto la politica sfasciare e mortificare la scuola, l’università e il lavoro in ogni sua forma, facendo precipitare in un buco nero anche la nostra prospettiva professionale. Ogni mattina un nuovo precario si alza e vede più lontano il proprio futuro. Invece io vorrei che il lavoro di ogni persona potesse essere protetto dalle fallimentari strategie del Mario Monti o del Marchionne di turno, da chi confeziona una varietà di contratti “a scadenza” , come fossero cibo da supermercato. Vorrei ricomporre un tessuto di diritti per tutti: uomini, donne, lavoratori e migranti. Per far questo c’è bisogno, innanzi tutto, di maggiore partecipazione alla vita politica, punto di partenza necessario per mettere in campo un’alternativa che non escluda nessuno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento