Imu terreni agricoli montani, Lattuca: "Le nuove classificazioni danneggiano i nostri comuni"

“Si tratta di una classificazione sbagliata – afferma Lattuca – che assume il dato dell’altitudine dalla posizione della sede del municipio, spesso costruito a fondovalle e pertanto non realistica rispetto al resto dell’estensione comunale"

Anche il deputato cesenate Enzo Lattuca sostiene l’azione di un gruppo di parlamentari del Pd, capitanati dal deputato Enrico Borghi (Pd), presidente dell’Intergruppo per lo sviluppo della montagna che hanno avviato un’azione parlamentare nei confronti dell’annunciato decreto che rivede i criteri di esenzione Imu per i terreni agricoli ricadenti in area montana, fino ad oggi totalmente esclusi dal tributo in considerazione di particolari condizioni orografiche, tra cui ad esempio il fatto di essere irraggiungibili per gran parte dell’anno a causa del gelo e delle precipitazioni.

“Il decreto-legge numero 66 del 2014 – spiega Lattuca – prevede una revisione dei criteri per l’esenzione Imu dei terreni agricoli ricadenti in aree montane e collinari. Si è passati ad una suddivisione in tre fasce, con esenzione totale solo per i terreni situati in Comuni con altitudine superiore ai 600 metri, esenzione parziale per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali proprietari di terreni in Comuni con altitudine compresa fra 281 e 600 metri, e nessuna agevolazione per tutti gli altri, chiamati a pagare regolarmente l’imposta.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si tratta di una classificazione sbagliata – afferma Lattuca – che assume il dato dell’altitudine dalla posizione della sede del municipio, spesso costruito a fondovalle e pertanto non realistica rispetto al resto dell’estensione comunale, e non considera in alcun modo il parametro del dislivello, producendo così delle disparità di trattamento per i proprietari di terreni agricoli nei comuni montani e che penalizza in maniera decisa i proprietari di terreni che si trovano in comuni collinari. Siamo al lavoro per far sì che il Governo modifichi questa classificazione che penalizzerebbe le nostre realtà montane."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento