menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni regionali, Bartolomei: "Sulla sanità è tempo di intervenire con urgenza"

Per la candidata del Centro Democratico alle elezioni regionali Maria Grazia Bartolomei la reale emergenza è una pianificazione efficace che dia risposte concrete prima di tutto ai cittadini

La sanità oltre ad essere un tema particolarmente sentito e che di frequente occupa le pagine della stampa locale e nazionale, è e deve rimanere una priorità per il territorio di Forlì Cesena che si trova di fronte ad una svolta epocale. L'Ausl Unica di Romagna, è ormai una realtà ma le discussioni sono ancora molto forti e da più parti affiorano posizioni, opinioni e bisogni differenti. Per la candidata del Centro Democratico alle elezioni regionali Maria Grazia Bartolomei la reale emergenza è una pianificazione efficace che dia risposte concrete prima di tutto ai cittadini.

"Anche da consigliere provinciale ho sempre sostenuto l'importanza di ascoltare i professionisti  e le rappresentanze della sanità per rendere concreto un nuovo modello organizzativo - spiega la capolista Barolomei - una concertazione più che mai urgente per salvaguardare i diritti dei cittadini". Quali siano poi i criteri con cui organizzare al meglio il sistema sanitario del territorio, lo spiega ancora una volta Bartolomei: "Occorre valorizzare le specializzazioni dei territori focalizzando risorse ed impegno per mantenere e migliorare gli standard qualitativi dei servizi. Si deve inoltre garantire in maniera costante l'intervento nelle emergenze".

Il modo migliore di fare tutto questo per Maria Grazia Bartolomei è quello di coinvolgere tutte le parti in causa: "La sanità impegna l'80% del bilancio regionale, quindi per amministrare bene le risorse e per assicurare i servizi, si deve lavorare per creare un modello che coinvolga il privato sociale, come le case di cura e il no profit. Una visione allargata ci consentirà di fare in modo che la sanità rimanga un pilastro per la società regionale e un modello a livello nazionale ed europeo". Una politica di questo tipo esclude a priori un taglio netto alle risore: "sono fortemente contraria ad un taglio lineare; la razionalizzazione della spesa non si fa togliendo in maniera sconsiderata soldi ai servizi che portano poi anche a problemi gravissimi come il mancato turnover del personale sanitario. Tutto finisce per gravare sulle spalle dei cittadini".
 
Tra i disservizi i lunghi tempi di attesa sono un fattore determinante sul quale anche il candidato alla presidenza regionale del Partito Democratco, Stefano Bonaccini, è intervenuto nei giorni scorsi, proponendo di ampliare i tempi di attività della sanità permettendo ai cittadini di accedere alle prestazioni e alle visite specialistiche anche nei fine settimana e nei giorni festivi. "Benvenga la proposta di Bonaccini - commenta Bartolomei - L'intervento sui lunghi tempi di attesa dei cittadini è un impegno concreto su cui anche io mi batto ormai da tempo. Stessa garanzia dobbiamo assicurare a chi accede ai pronto soccorso. Ci sono 15 milioni di euro sul tavolo dell'assessore Lusenti proprio per rendere concreto questo progetto. "Mi auguro che sia un primo passo per rendere migliore anche l'integrazione e il lavoro dell'Ausl Unica di Romagna che deve al più presto concretizzarsi con chiarezza attraverso un nuovo progetto organizzativo", conclude la capolista di Centro Democratico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento