Elezioni, Gozi si confronta con gli operatori del turismo: "Italia superpotenza culturale"

“L’Italia infatti è una superpotenza culturale nel mondo, noi dobbiamo unire turismo e cultura anche per attirare visitatori dalla Cina, dall’India, e dai nuovi paesi in via di sviluppo"

C’è attenzione alle tematiche economiche nella campagna elettorale di Sandro Gozi, candidato Pd al collegio plurinominale della Romagna, che ha dedicato la giornata di martedì alle grandi risorse della nostra costa: turismo, cultura e pesca, fondamentali per lo sviluppo della Romagna.  “In mattinata sono andato a visitare il Camping Villaggio Rubicone a San Mauro Mare, una realtà che investe e che punta a migliorare sempre di più l’offerta per attrarre turisti a livello internazionale”, spiega Sandro Gozi.

Nel pomeriggio spazio al confronto con gli operatori economici e turistici al palazzo del Turismo di Cesenatico: balneari, albergatori e categorie (Cna, Confcommercio e Confesercenti), con cui il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ha dialogato in questi anni insieme a Tiziano Arlotti, candidato Pd al Senato nel collegio uninominale di Cesena-Rimini. “Abbiamo discusso insieme di come migliorare ancora il settore turistico in Riviera: la stagione 2017 è stata ottima per numeri e indotto, ma dobbiamo fare ancora meglio. Il mio obiettivo è continuare a lavorare perché in Romagna aumenti la capacità di fare lavorare insieme pubblico e privato per progetti comuni:  l’offerta turistica ha bisogno di essere innovata con nuovi investimenti, a partire dalle infrastrutture e allargata alla cultura”.

“L’Italia infatti è una superpotenza culturale nel mondo, noi dobbiamo unire turismo e cultura anche per attirare visitatori dalla Cina, dall’India, e dai nuovi paesi in via di sviluppo. Nell’ottobre 2017 proprio qui a Cesenatico abbiamo organizzato una conferenza internazionale con tutte le principali istituzioni finanziarie europee su come finanziare i progetti europei legati alla Strategia Adriatico-Ionica (Eusair). Il turismo e l'economia del mare, a partire dalla pesca, rappresentano un asse fondamentale di Eusair, e dobbiamo seguire questo metodo: lavorare insieme in Romagna e cooperare con le altre regioni delle due sponde dell’Adriatico. Chi pensa di mettere dazi e barriere è fuori dal mondo e vuole fare il male della Romagna”, conclude Gozi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento