menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Degrado in zona stazione, la Lega: "Noi abbiamo proposto l'esercito in strada"

Ed ancora: “Cesena è una città più che insicura. Non lo dicono la Lega Nord, né Massimiliano Pompignoli. Lo denunciano i cittadini, i commercianti, gli artigiani, le famiglie"

“La consigliera del Partito Democratico, Lia Montalti, mi accusa di aver disegnato un’immagine distorta di Cesena in fatto di sicurezza. In un certo senso vorrei fosse vero ma al contrario, i fatti e le notizie anche di oggi la smentiscono. Purtroppo la Montalti dipinge un’immagine virtuale di una città che non esiste più”: lo dice, dopo l’ennesima denuncia di un commerciante cesenate vittima del degrado che circonda la zona stazione, il consigliere regionale della Lega Nord, Massimiliano Pompignoli.

Ed ancora: “Cesena è una città più che insicura. Non lo dicono la Lega Nord, né Massimiliano Pompignoli. Lo denunciano i cittadini, i commercianti, gli artigiani, le famiglie, i quotidiani nelle cronache giornaliere. Forse Montalti, come il Sindaco Lucchi, non frequenta più la gente comune, non si confronta con chi soffre quotidianamente il degrado, il vandalismo, l’insicurezza ingenerata da delinquenza italiana e straniera. Se la consigliera del Pd si mettesse nei panni della gente forse passerebbe dalla “molteplicità di soluzioni”, sbandierata ai quattro venti come la costosissima videosorveglianza che non si sa quando andrà a regime, ai fatti.”

“Noi abbiamo proposto un utilizzo più diffuso dell’esercito impiegato nell’operazione Città sicure in attività di prevenzione. Ma abbiamo suggerito anche tante altre soluzioni concrete e da mettere subito in atto, che, tuttavia, sono sempre state respinte, a Cesena, come a Bologna, solo perché arrivavano dalla Lega. Riconoscere e combattere l’insicurezza e il degrado è buona amministrazione, di qualunque colore sia. Non farlo è segno di superficialità e di disinteresse per la città. Ma non tutto è perduto. I mezzi per affrontare questa escalation ci sono. La sfida che lanciamo a Montalti è quella di agire, subito. Se lo farà, con atti e azioni concrete, non le faremo mancare il nostro appoggio.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento