Celletti (Lega Nord): " Sul Macfrut Lucchi punti i piedi e eviti uno scippo"

La capogruppo della Lega: "Il Macfrut deve rimanere a Cesena ed anzi l'amministrazione cittadina deve rilanciare prevedendo altre manifestazioni fieristiche"

"Il Macfrut deve rimanere a Cesena ed anzi l’amministrazione cittadina deve rilanciare prevedendo altre manifestazioni fieristiche che rendano ancora più attrattiva la nostra città". A dirlo è Antonella Celletti, capogruppo della Lega.

"Il successo del Macfrut di quest’anno, - dice la Celletti - dovuto alla professionalità, all’impegno e alla lungimiranza con cui ha lavorato il presidente di Cesena Fiere, Domenico Scarpellini, coadiuvato dal suo staff, ci fa ben sperare che non vi siano ipotesi di spostamento di questa fiera a Rimini".

"La palla ora passa nelle mani del sindaco di Cesena che, - prosegue - al tavolo dove si discuterà di alleanze e di sinergie per la piattaforma fieristica romagnola, dovrà pretendere un ruolo di pari dignità con gli altri attori e dovrà essere capace di puntare i piedi per impedire lo scippo del nostro fiore all’occhiello, cercando anzi di incrementare le potenzialità della Fiera di Cesena".

"Non si tratta di gare fra campanili o di una visione a senso unico: capiamo bene come non si debba intraprendere una battaglia con i ‘vicini di casa’ - mette in chiaro -, ma agire di comune accordo, soprattutto nei confronti di operazioni che ci mettono in competizione con l’estero. Tuttavia non possiamo neppure avere gli occhi bendati e non vedere come, sotto il belletto delle belle parole, qualcuno continui ad avere ben presente la vecchia massima del “mors tua vita mea”".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non si può infatti minimizzare il ruolo dell’asse di ferro che c’è tra Bologna e Rimini, né si può nascondere il trattamento che subisce la provincia di Forlì-Cesena, vera e propria ‘cenerentola’ nello scenario regionale. - conclude - Ora spetta ai nostri amministratori, con in testa Lucchi, difendere le prerogative di Cesena, consapevoli del fatto che sul mantenimento o sulla perdita del Macfrut si giocano  credibilità e autorevolezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento