Cambiamo: "Le multe del T-red annullate sono una doppia sconfitta per l'amministrazione"

La lista civica presenta il conto al Comune: "Tutti sapevano del rischio d'illegittimità di quelle sanzioni, ma il Comune ha tirato dritto. E adesso il bilancio preventivo 2021 è tutto da rifare"

La lista civica Cambiamo presenta il conto al Comune dopo l'annullamento delle multe fatte dal T-red che, come specificano in una nota stampa, rappresentano "una doppia sconfitta per l'amministrazione" costretta adesso a rivedere il bilancio preventivo del 2021 togliendo una fetta delle entrate. "Non serviva l'oracolo di Delfi per prevedere l'annullamento delle multe dei T-Red da parte del giudice di pace del Tribunale di Forlì - spiega in una nota stampa il gruppo consiliare.- I ricorsi sistematici, le polemiche all'ordine del giorno e le valutazioni di molti autorevoli addetti ai lavori avevano già fatto capire il destino di quelle contravvenzioni sulla base dell’articolo 41/11 del Codice della strada.  L'avevano capito tutti come sarebbe andata a finire fuorché l'amministrazione comunale che, facendo finta di nulla, lo scorso anno aveva costruito il bilancio preventivo proprio basandosi sulla 'garanzia' di queste entrate. E ha fatto lo stesso nel rendiconto preventivo 2021".

"Parlammo a quei tempi di scelta un po' azzardata - prosegue la lista civica - ma, come al solito, anziché percorrere la strada giudiziosa della prudenza, l'amministrazione tirò dritto convinta della fondatezza delle sue scelte. Peccato che, in corso d'anno, fu costretta a rivedere significativamente le cifre con inevitabili variazioni di bilancio. Certo, il 2020 è stato caratterizzato dalla pandemia ma, guarda caso, le cifre previste per l’anno in corso ricalcano quelle del 2019 e non quelle - quasi raddoppiate - del 2020. Nonostante ciò, e proprio alla luce di queste sentenze, l'ipotesi più probabile è che saremo costretti a ricorrere, anche nel 2021 a delle significative variazioni di bilancio. Per l'amministrazione, che aveva scelto la strada punitiva delle ammende anziché quella educativa delle campagne d'informazione, si tratta di una doppia sconfitta. Oltre al danno economico non previsto, infatti, non si può ignorare la superficialità con la quale vengono applicati certi dispositivi. Sono bastati infatti un paio di avvocati un po' scaltri per scoprire che sia la segnaletica orizzontale che quella verticale che si trovano in prossimità degli incroci controllati dai T-red non sono in regola con le norme vigenti". 

"Va detto peraltro - conclude Cambiare - che, rivolgendosi alla Polizia locale, chi aveva ricevute più contravvenzioni in un colpo solo, ha ottenuto di pagarne una sola in quanto l’infrazione è unica, anche se commessa più volte. E già questo aveva ridimensionato di parecchio le ambiziose aspettative di incasso da parte del Comune che, a questo punto, dovrà anche restituire ai ricorrenti l’importo delle sanzioni. E che dire di quanti avrebbero potuto ricorrere al giudice di pace e non l'hanno fatto solo per non perdere tempo, pagando una sanzione - a questo punto - illegittima? Come si comporterà con questi automobilisti l'amministrazione di Cesena?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento