rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Politica Cesenatico

Bilancio Cesenatico, i sindacati: "Aggiustare il tiro sull'addizionale Irpef"

E' quanto affermano i segretari di Cgil, Cisl e Uil Lidia Capriotti, Filippo Pieri e Marcello Borghetti

"L'approvazione del Bilancio di previsione 2015 del Comune di Cesenatico, conferma il raddoppio dell’addizionale Irpef comunale che passa dalla 0,4% allo 0,8 % ovvero il limite massimo consentito. Si tratta indubbiamente di un brutto colpo per i cittadini contribuenti del Comune di Cesenatico ed in particolare per lavoratori dipendenti e pensionati che in ragione della propria fedeltà fiscale, finiscono per essere i cittadini più penalizzati". E' quanto affermano i segretari di Cgil, Cisl e Uil Lidia Capriotti, Filippo Pieri e Marcello Borghetti.

"Avevamo già espresso la nostra consapevolezza sulle difficoltà dei Comuni a redigere bilanci in un contesto normativo, che pone vincoli spesso incomprensibili e con un fondo di solidarietà che ha caratteristiche contraddittorie e che genera squilibri e iniquità fra Comuni - aggiungono i sindacati -. Ma ciò premesso, si tratta di una situazione nota, che in attesa di un cambio di rotta nazionale, su un patto di stabilità per molti aspetti insensato, deve trovare una strategia alternativa. Ribadiamo che già esistevano è tuttora permangono le condizioni e valide giustificazioni per mettere in discussione alcune scelte politiche, quale la mancata introduzione della tassa di soggiorno, da noi più volte suggerita come valida alternativa all’inasprimento delle aliquote Irpef e alla tassazione sulla prima casa".

"A nostro giudizio se spiegata con lungimiranza, questa tassa non pregiudicherà il rapporto con i turisti e con gli operatori turistici e nello stesso tempo salvaguarderà i cittadini di Cesenatico - continuano Capriotti, Pieri e Borghetti -. Abbiamo assistito all'aspro dibattito in consiglio comunale, e prendiamo atto della situazione molto particolare e critica che si genera con il parere contrario dei revisori dei conti, tuttavia vogliamo rimanere sul tema più politico delle scelte fatte e da fare. Pensiamo che sarebbe opportuno, anche se forse irrealistico, che tutte le forze politiche confluiscano verso una chiara indicazione che corregga e aggiusti il tiro sull'addizionale Irpef, in primis attraverso l'utilizzo della tassa di soggiorno, applicata ormai da quasi tutti i Comuni della Riviera, e da un controllo attento sulle voci di spesa".

"Pensiamo che ciò si potrebbe fare con un patto di relativa non belligeranza, mosso nell'interesse dei cittadini. Viceversa i cittadini pagheranno negli anni a venire il prezzo all’inasprimento dell’addizionale Irpef, con la magra consolazione di sentirsi raccontare ogni anno di chi è stata la colpa di una scelta che è sbagliata, ingiusta e iniqua - concludono -. Ci auguriamo che la promessa del sindaco di “bloccare l’aumento delle aliquote” con le risorse derivanti dai ricorsi dati per vinti, si possa avverare, vigileremo affinché tali risorse vengano impiegate come promesso". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio Cesenatico, i sindacati: "Aggiustare il tiro sull'addizionale Irpef"

CesenaToday è in caricamento