Cesenatico, Papperini (M5S): "Tra il 2011 e il 2013 spartiti 135 mila euro di incentivi"

Afferma Papperini: "Con l’introduzione della legge 163 veniva data discrezionalità ai Sindaci di distribuire una percentuale, fino al 2%, dell’importo totale dell’opera ai dipendenti pubblici

Il Movimento 5 Stelle di Cesenatico torna  sul tema degli incentivi ai Dirigenti e dipendenti pubblici. Il consigliere comunale Alberto Papperini ricorda "casi di lavori mal progettati e realizzati ancora peggio come le porte vinciane, il ponte di via Anita Garibaldi e il rifacimento della vena Mazzarini. I lavoratori comunali, in quanto dipendenti, percepiscono già uno stipendio mensile in cambio delle loro prestazioni però non tutti sanno che, per incentivarli a lavorare  esiste una legge che prevede (a discrezione del sindaco) di far loro incassare anche altri soldi. Ma andiamo con ordine".

"Durante questi anni - sostiene il consigliere pentastellato - abbiamo sempre insistito sull’abolizione di questi incentivi. La norma, che vorrebbe incentivare il lavoratori dipendenti, non ha alcun senso. Il concetto, sia della norma che del buon senso, avrebbe dovuto considerare oltre all’incentivo anche un disincentivo, altrimenti logica vuole che il livello medio di produttività si abbassi inevitabilmente. Va aggiunto che l’incentivo non è legato al risultato, ma esclusivamente alla realizzazione del progetto. Infatti anche nei casi in cui le opere sono risultate mal costruita (es. le porte vinciane, il ponte mobile, la vena mazzarini e altro), ugualmente sono stati distribuiti incentivi a pioggia. E tutti quelli che dovevano controllare? I pareri tecnici?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua Papperini: "Con l’introduzione della legge 163 veniva data discrezionalità ai Sindaci di distribuire una percentuale, fino al 2%, dell’importo totale dell’opera ai dipendenti pubblici. Quindi al buon senso del primo cittadino era legato l’assegnazione di queste somme. Purtroppo in questi anni il buon senso dei nostri sindaci è andato a farsi benedire. Infatti, in barba ai cittadini di Cesenatico, gli incentivi sono stati distribuiti e nella percentuale massima definita per legge, il 2%. Dal 2011 al 2013 le somme a titolo di incentivo distribuite al personale dipendente comunale, già stipendiato per svolgere il proprio lavoro, risultano di 135.000 euro. Queste cifre sarebbero potuto essere destinate ai cittadini di Cesenatico per la scuola, la sicurezza o per diminuire l’imposizione fiscale, sanare situazioni economiche di disagio. Per questo motivo chiederemo di modificare il regolamento interno, eliminando questo incentivo che è un vero e proprio “imbroglio legalizzato” a discapito dei cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento