menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ancora una giornata di festa a Tomba

Dopo la memorabile festa, domenica scorsa, dell'Oratorio della Madonna della Concezione, Pagno è ancora sotto i riflettori.

Dopo la memorabile festa, domenica scorsa, dell’Oratorio della Madonna della Concezione, Pagno è ancora sotto i riflettori. Ora l’attenzione si sposta al confine sud della parrocchia, dove si trova il terzo edificio sacro. Solo chi c’è stato può capire l’unicità e la bellezza di questo luogo, anche se il nome non è molto attraente. E’ l’oratorio della Tomba, una chiesetta privata, della famiglia Marini, e ogni anno viene festeggiata la patrona, la Vergine Addolorata. Il caseggiato e la piccola chiesetta riprendono vita. Giovedì 8 si è concluso il Triduo di preparazione, svolto anche martedì e mercoledì, con Santo Rosrio e canto delle litanie, con la melodia così cara alla gente di questa zona, alle 20.30. Vista la straordinaria partecipazione di popolo, da due anni si è  voluti iniziare i festeggiamenti già nella serata di venerdì 9, con apertura stand gastronomico con specialità di crescioni zucca e patate, piadina con affettati misti. Alle 21 animazione con “Stefania Ciani”. 

La maccheronata gratuita è prevista per le ore 23. Sabato alle 19 apertura stand con specialità di birra, piadina e salsiccia, crescioni zucca e patate, piadina con affettati misti.

Dalle 21.30 DJ GIAMPI E MARIO ROMARIO(vocalist) di Radio Studio Delta animeranno la serata fino a tarda notte. Domenica 11 settembre alle 15.30 messa solenne all’aperto e processione, apertura della pesca di beneficenza, pentolaccia gratuita per tutti i bambini. Alle 17 apertura dello stand con piadina, fornarina cotta in forno a lagna e crescioni. Allieterà il pomeriggio e la serata l’orchestra “Fabrizio e gli accademia”. Alle 18 un animatore farà divertire piccoli e grandi con “Tutti i giochi di una volta”. Sarà allestita anche una mostra fotografica con le foto delle feste degli anni passati. Il piccolo oratorio privato, addossato all’antico palazzo padronale attorniato da costruzioni più recenti, venne costruito nel 1792 dalla famiglia Baldassarri per riuscire a partecipare più di frequente all’Eucarestia, in quanto era difficile recarsi d’inverno nella parrocchiale di Pagno che dista 3,5 km, con un dislivello di quasi 400 metri. Nel 1935 la famiglia Marini, attuali proprietari, acquistarono tutto il grande edificio e la chiesetta dalla famiglia Giannini. 

L’ultimo intervento di restauro che ha interessato la chiesa e il primo piano dell’edificio è del 1999. Nel 2007 viene donato alla chiesetta un originale dipinto a olio su tavola della Madonna con Bambino, di notevole dolcezza. Viene spontaneo chiedersi il perchè la località si chiami Tomba, che farebbe pensare al luogo di sepoltura di un personaggio importante. Il motivo è un altro, lo apprendiamo dal volume “Romagna” di Emilio Rossetti, dove vi si legge che “Tomba” significa possedimento o tenuta con casa padronale, anche circondato da siepi e fossato, un inizio di castello. C’è ancora una piccola torre di difesa. Per realizzare questa festa è necessario un lavoro notevole di settimane. Una trentina di volontari tra cui molti giovani, dal 1977 si passano il testimone di padre in figlio per continuare questa occasione di ritrovo molto cara a tutta la vallata. In modo ineguagliabile guida il gruppo il giovane Paolo Bartolini, che si sta già preparando a vivere in modo speciale il quarantesimo della festa il prossimo anno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento