"Abbattimento degli alberi sì, ma per evitare esiti drammatici

Il settore Verde Pubblico del Comune di Cesena risponde alla segnalazione di Davide Fabbri che contrattacca: "Alberi tagliati per fare una rotonda!"

Redazione 27 giugno 2012
3

Il settore Verde Pubblico del Comune di Cesena risponde alla segnalazione di Davide Fabbri. L'esponente dei Verdi aveva preso di mira l'abbattimento di un albero in via Dante. Un gesto segnalato con l'indicazione “potatura” e che a detta di Fabbri andava a colpire in maniera ingiusta il verde della città.

“Le piante rimosse – si legge nella nota del Comune - finora sono state abbattute nell'ambito del monitoraggio fitostatico eseguito da una ditta di agronomi specializzati nelle valutazioni della stabilità delle piante, con esperienza e riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale. Queste valutazioni sono utilizzate in tutte le maggiori città italiane ed europee e seguono procedure riconosciute a livello scientifico”.

“Tali procedure e criteri – sottolineano - sono gli stessi utilizzati dall’Amministrazione negli anni passati (la valutazione della stabilità viene effettuata dal 2007). Per quanto riguarda il caso di via Dante, l’abbattimento è stato ritenuto necessario a seguito di un’attenta valutazione della capacità di resistenza del legno eseguita con il supporto di strumentazioni specifiche. È importante anche sottolineare come non esista una "cura" per moltissime patologie degli alberi, in particolare quando si manifestano in stadio avanzato, come spesso capita con le carie del legno”.

“Inoltre, quando si tratta di tutelare la pubblica incolumità, non si può esitare. Diversi episodi capitati in varie parti d'Italia, dove si è esitato a procedere ad abbattimenti necessari, hanno avuto esiti drammatici, mentre altri non li hanno avuti per pura fortuna. Infine, una volta rimossi gli alberi pericolosi, altri alberi vengono ripiantati sul posto solo quando le distanze dai sottoservizi sono tali da permettere un certo margine di sicurezza per garantire sia le tubazioni, che le radici delle nuove piante in caso di futuri lavori. Purtroppo questi criteri non venivano considerati in passato e questo ha causato diversi problemi sia agli alberi che ai sottoservizi”.

Fabbri non demorde e con la verve che lo contraddistingue passa al contrattacco. "Altri alberi abbattuti a Cesena, - aggiunge - in questo caso platani in ottima salute, bellissimi e rigogliosi lungo la via Emilia, e più precisamente lungo viale Marconi angolo via Puglie (zona Stadio).

"Non si conosce il motivo dell'abbattimento voluto dal Comune di Cesena: alberi sani e rigogliosi vengono fatti fuori con tanta solerzia per ragioni superiori: forse la necessità della realizzazione di una rotonda; aspettiamo una risposta ufficiale da parte dell'Amministrazione comunale di Cesena".

Annuncio promozionale



"Per mettere in sicurezza l'incrocio di viale Marconi con via Puglie, bastava un restringimento della carreggiata volto alla riduzione della velocità dei veicoli, velocità che è causa di tanti incidenti. Così si sarebbero salvati due alberi monumentali".

Fiorenzuola
verde pubblico

3 Commenti

Feed
  • Avatar di stefano angeli

    stefano angeli La scusa per buttar giù alberi a Cesena la si trova sempre, e a forza di scuse negli ultimi decenni ne sono stati abbattutti a centinaia, interi viali sono scomparsi...

    il 30 giugno del 2012
  • Avatar di MARCO CASALI

    MARCO CASALI Per me nell'articolo ci deve essere un errore; il comune parla di Via Dante, Fabbri parla invece dell'angolo fra viale Marconi e Via Puglie; ma si riferiscono agli stessi esemplari?

    il 30 giugno del 2012
  • Avatar di Giubberosse

    Giubberosse Ma quale rotonda??? nei progetti die lavori pubblici non esiste nulla e se anche fosse credo che due alberi valgano la messa in sicurezza di un incrocio... prima di tutto la vita dei pedoni, ciclisti ed ultimo automobilisti... per 2 alberi abbattuti se ne possono piantare 3 vicino

    il 28 giugno del 2012