Piazza della Libertà, l'attacco di "Cesena SìAmo Noi" al sindaco: "Un debito di 1,5 milioni"

"Un altro disastro pare essere utilizzato da Lucchi per giustificare la mancanza dei soldi necessari a pagare i lavori di piazza della Libertà", evidenziano da Cesena SìAmo Noi

"La recente richiesta di aiuto del sindaco Lucchi ai deputati che rappresentano il nostro territorio, per avere dal Governo 1,5 milioni per pagare l’intervento di piazza della Libertà, è quantomeno goffa sia nei modi che nei tempi e mette in luce risvolti poco chiari". E' quanto riporta in una nota "Cesena SìAmo Noi". "A questo punto della vicenda cercare aiuto rivolgendo l’appello a mezzo stampa e non per vie istituzionali, ossia incontrando gli interlocutori nelle sedi appropriate, dimostra tutta l’arroganza e la spregiudicatezza del Partito Democratico e del sindaco Lucchi - viene aggiunto -. Com’è possibile realizzare una tale opera senza avere la certezza del finanziamento? E’ concepibile che un sindaco, e con lui la Giunta, e i consiglieri che lo sostengono, lascino un’eredità così pesante alla futura amministrazione e, cosa ancor più grave, alle future generazioni?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il sindaco ha spesso dichiarato di aver avuto il finanziamento da parte della Regione ma poi, afferma, dirottato all’Emilia colpita dal sisma nel 2012 (prima della rielezione di questa Giunta): è credibile? - si chiedono da "Cesena SiAmo Noi" -. Perchè non è stata fatta pressione sui governi Renzi-Gentiloni e far intervenire come intermediari i nostri deputati Lattuca e Valdinosi? Quanti soldi ha portato a Cesena, durante il suo mandato da parlamentare, il presunto futuro candidato sindaco (Lattuca)? Il confronto con il suo collega Marco Di Maio di Forlì non regge, dal momento che quest’ultimo ha portato sul territorio circa 8 milioni di euro! Un ennesimo disastro salverà Lucchi. Come per il terremoto in Emilia, un altro disastro pare essere utilizzato da Lucchi per giustificare la mancanza dei soldi necessari a pagare i lavori di piazza della Libertà: la disfatta elettorale del Pd alle elezioni del 4 maggio, gettando cosi le responsabilità sui neo eletti non appartenenti al suo partito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tragico incidente in bici, è morto dopo due giorni di agonia l'agente di Polizia

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Tragedia sulla spiaggia di Cesenatico, trovata riversa nell'acqua: muore l'anziana turista

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

  • Agro-alimentare, il Gruppo Amadori cede Fattoria Apulia: l'operazione 

Torna su
CesenaToday è in caricamento