Consiglio comunale 'infuocato', poltiche familiari: il Pd lascia l'aula

Il Pd si dice "fortemente convinto che un ordine del giorno da discutere e votare in questo momento, che impegna la giunta a mettere in campo azioni che adesso non potrebbe adire adeguatamente, sia intempestivo e poco efficace"

Consiglio comunale 'infuocato' quello che si è svolto giovedì pomeriggio a Cesena. Il gruppo consiliare del Pd ha scelto di non partecipare al voto dell'ordine del giorno sulle politiche famigliari, lasciando l'assise. "Il tema delle politiche eque e solidali a favore della famiglia è assolutamente attuale per le molteplici difficoltà che la coinvolgono (chi ha perso il lavoro, chi lo trova, gli anziani, i giovani ed i minori ognuno con il loro carico di criticità) e crediamo meriti un tempo congruo di approfondimento", esordiscono i democratici.

La nostra amministrazione comunale già con il "Quoziente Famiglia", unitamente all'attuale ISEE, ha mostrato sensibilità provando a dare una risposta ai cambiamenti sociali che intervengono ogni giorno - prosegue il gruppo consiliare del Pd -. Anche i provvedimenti del Governo, con la nuova formulazione dell'ISEE di cui potremo valutare pro e contro una volta approvata la legge di stabilità, e l’iniziativa del Presidente del Consiglio di affidare l'elaborazione di una proposta di legge quadro sulle politiche famigliari (mai esistita nel nostro paese) al prof. Zamagni, dimostrano quanto mai sia necessario affrontare serenamente e concretamente l'argomento".

"Inoltre sarà interessante capire come il "Distretto famiglia", adottato di recente dalla provincia di Trento e proposto a carattere nazionale dal Forum delle Associazioni delle Famiglie, potrà incidere a tutela dei nuclei famigliari con attenzione particolare a quelli più numerosi e/o svantaggiati - continuano i democratici -. Perciò riteniamo indispensabile dar vita ad incontri all'interno delle Commissioni Consigliari competenti, utili ad elaborare pensieri e produrre proposte condivise da porre all'attenzione del Sindaco e della Giunta Comunale".

Il Pd si dice "fortemente convinto che un ordine del giorno da discutere e votare in questo momento, che impegna la giunta a mettere in campo azioni che adesso non potrebbe adire adeguatamente, sia intempestivo e poco efficace, da qui la necessità di approfondire con calma l’argomento e rinviarne la discussione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La notte trasgressiva a tre col transessuale finisce a sassate: nei guai coppia di fidanzati

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • Savio in piena, frane in collina ed allagamenti in riviera: il maltempo fa paura

  • Nella disco scoppia la rissa, il locale stoppa la serata: "Coinvolte anche due ragazze"

  • Divora con tranquillità 385 cappelletti e batte il record: "Il segreto? Un giro in bici"

  • Migliora la situazione maltempo, a Cesenatico rotte due dune per contenere la furia del mare

Torna su
CesenaToday è in caricamento