Sviluppo energetico, Cesena punta sulle case a impatto zero

Alla scoperta delle case passive, cioè le costruzioni a zero emissioni e zero consumi. Se ne parlerà in due diverse iniziative organizzate dal Comune di Cesena per i prossimi giorni

Redazione 21 marzo 2013
1

Alla scoperta delle case passive, cioè le costruzioni a zero emissioni e zero consumi. Se ne parlerà in due diverse iniziative organizzate dal Comune di Cesena per i prossimi giorni. Il primo appuntamento è per sabato alle ore 16 nei padiglioni di CesenaFiera, nell’ambito di Agrofer, la rassegna delle fonti energetiche rinnovabili e sviluppo sostenibile: qui si svolgerà un incontro per illustrare il progetto europeo PassREg, finanziato nell'ambito del programma Intelligent Energy Europe, a cui  Cesena partecipa e grazie al quale gli è stato riconosciuto un finanziamento di 79.489 euro.

“Il progetto PassREg ci introduce in una prospettiva estremamente stimolante – sottolineano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alla Sostenibilità ambientale e Progetti europei Lia Montalti - perchè intende promuovere la diffusione delle case passive, favorendo l’adozione delle strategie già sperimentate in alcune regioni europee. Le case passive, infatti, sono assai diffuse in paesi come la Germania e il Belgio. La loro caratteristica principale è quella di assicurare il benessere termico in modo ecologico ed economico, senza alcun impianto di raffrescamento o riscaldamento (o riducendone l'utilizzo al minimo), grazie a un perfetto isolamento termico e allo sfruttamento massimo dell'irraggiamento solare".

"In particolare, PassREg mira ad aiutare le regioni e città partner ad applicare queste innovazioni, non solo sensibilizzando, ma anche elaborando un set di soluzioni e strategie che metta a disposizione, ad esempio, schemi di finanziamento e strumenti per l'analisi finanziaria, pacchetti informativi per costruttori pubblici e privati, modelli di contratto e di design integrato - continuano Lucchi e Montalti -. Si tratta quindi di un approccio molto concreto che siamo convinti potrà dare buoni frutti”.

L’incontro di sabato, oltre a delineare le attività principali di progetto, sarà dedicato all’esame degli standard Passive House, calandoli nella realtà locale. Del resto, anche da noi ci sono già alcune esperienze di questo tipo: è il caso, ad esempio, dell’ampliamento della scuola di Gambettola realizzato nel 2005 e di un’abitazione privata costruita a Montiano. Attualmente è in corso di realizzazione a S. Egidio una casa passiva con uno standard energetico di 10 kw/mq  che, attraverso un piccolo impianto fotovoltaico, diventerà anche ‘casa attiva’, in grado di coprire il fabbisogno energetico dell'auto elettrica dei proprietari.

Inoltre, è in fase di predisposizione la costruzione di un condominio di social housing di 25 appartamenti previsto in via Fiorenzuola (che oltre allo standard passivo propone una nuova modalità di gestione sociale degli spazi collettivi...). Redatto dallo studio Archefice di Cesena, questo progetto è stato selezionato sulla base di un invito pubblico rivolto agli studi e alle imprese del territorio per la partecipazione – a titolo gratuito – all’iniziativa europea, e sulla base delle sue caratteristiche scelto come caso studio di PassREg, e man mano che si procederà alla sua esecuzione ne saranno analizzati gli stadi di avanzamento, le tecnologie e le soluzioni adottate.

Alla presentazione di sabato interverranno l'Assessore alla Sostenibilità ambientale e Progetti europei Lia Montalti, il presidente di Energie per la città Davide Broccoli, l'architetto Gabriele Borghetti dello studio Archefice (che è anche coordinatore del Gruppo Passive House Italia Emilia Romagna) e l'ingegnere Susanne Theumer del Passive House Institute di Darmstadt, lead partner del Progetto PassREg.

Nelle giornate del 25 e 26 marzo, invece, il Palazzo Comunale ospiterà il corso "Train the trainer", organizzato nell’ambito delle attività di formazione previste, appunto, da PassREg. Tenuto dall’ingegner Susanne Theumer, il corso (che ha registrato il tutto esaurito) è rivolto agli addetti ai lavori interessati a diventare a loro volta potenziali formatori di operatori di cantiere Passive House (“Certified Passive House Tradesperson”).

Annuncio promozionale

La partecipazione è gratuita. I partecipanti riceveranno un attestato di partecipazione del Passive House Institute e sarà chiesto loro di impegnarsi a tenere gratuitamente il corso “Certified Passive House Tradesperson” che il Comune di Cesena ha in programma di organizzare nella seconda parte del 2013.

energia

1 Commenti

Feed
  • Avatar di Jeeg Robot

    Jeeg Robot era ora....passive ok, ma non a prezzi esorbitanti, visto che le banche non concedono ormai piu' i mutui ai giovani, che sono anche senza lavoro....sperando poi che il prossimo passo sia non concedere piu' permessi per la creazione di sale slot-machines, ormai cesena, il comune "virtuoso", ne è stra-piena....

    il 22 marzo del 2013